Evoluzione prevedibile della gestione

EXOR S.p.A. prevede per l’esercizio 2012 un risultato positivo.

A livello consolidato l’esercizio 2012 dovrebbe evidenziare risultati economici positivi che, peraltro, dipenderanno in larga misura dall’andamento delle principali società partecipate. Di seguito sono esposte le più recenti previsioni dalle stesse formulate.

Gruppo Fiat Industrial

Sulle base delle performance registrate dal Gruppo Fiat Industrial e delle aspettative circa il permanere di condizioni di mercato forti per tutti i settori, in particolare per CNH, in occasione della presentazione dei risultati finanziari per il 2011 Fiat Industrial ha fissato gli obiettivi per il 2012 come segue:

  • Ricavi pari a circa € 25 miliardi;
  • Risultato della gestione ordinaria tra € 1,9 e € 2,1 miliardi;
  • Risultato netto di circa € 0,9 miliardi;
  • Indebitamento netto industriale tra € 1,0 e € 1,2 miliardi;
  • Cassa e mezzi equivalenti superiori a € 4 miliardi;
  • Investimenti tra € 1,2 e € 1,4 miliardi.

Gruppo Fiat-Chrysler

Il Gruppo Fiat-Chrysler ha confermato il proprio pieno impegno a proseguire lungo le direttrici strategiche delineate dai piani quinquennali presentati a Novembre 2009 per Chrysler e ad Aprile 2010 per Fiat.

Avendo riesaminato le condizioni economiche e di mercato nelle quattro regioni in cui opera il Gruppo Fiat-Chrysler, in occasione della presentazione dei risultati finanziari per il 2011 sono state confermate le aspettative di risultato per Nord America, America Latina e Asia-Pacifico.

Gli eventi degli ultimi 12 mesi, e più in particolare dell’ultimo semestre del 2011, hanno al contrario generato dubbi circa le assunzioni in termini di volumi su cui si basano il mercato complessivo e i piani di sviluppo del Gruppo in Europa fino al 2014.

Il livello di incertezza riguardante l’attività economica nell’Eurozona nel futuro prevedibile ha reso poco attendibili le proiezioni puntuali dei risultati finanziari.

Pertanto, il Gruppo ha fornito le indicazioni relative ai target per il 2012 in termini di intervalli di valori, che considerano il perdurare delle attuali depresse condizioni di mercato fino ad una graduale stabilizzazione e ripresa solo alla fine del 2012.

Di conseguenza, i target 2012 per il Gruppo Fiat-Chrysler sono aggiornati nel modo seguente:

  • Ricavi superiori a € 77 miliardi;
  • Utile della gestione ordinaria tra € 3,8 e € 4,5 miliardi;
  • Utile netto tra € 1,2 e € 1,5 miliardi;
  • Indebitamento netto industriale tra € 5,5 e € 6 miliardi.

Con l’evolvere della situazione nel corso dell’anno, il Gruppo Fiat-Chrysler si aspetta di poter articolare gli impatti della situazione economica nell’Eurozona sul proprio piano fino al 2014 in occasione della comunicazione dei propri risultati del terzo trimestre 2012.

C&W Group

C&W resta focalizzato sul raggiungimento dei suoi obiettivi, per quanto concerne le aspettative per il 2012 si prevede un’ulteriore crescita dei ricavi e dell’EBITDA. Nonostante la prudenza circa l’andamento dell'economia globale, e in particolare la crisi di debito dell’Europa che ha rallentato le performance del Gruppo nel quarto trimestre del 2011, C&W ritiene che il panorama economico 2012 dovrebbe rafforzarsi nella seconda metà dell’anno man mano che i fondamentali dell’economia e il mercato immobiliare miglioreranno.

Almacantar

Almacantar, dopo l’acquisizione di due immobili nel 2011, proseguirà nel 2012 nella gestione di tali investimenti, pronta a cogliere nuove opportunità di investimento nell’ambito del mercato immobiliare nel centro di Londra, che si prevede stabile per effetto della domanda da parte di investitori istituzionali, della richiesta di affitto stazionaria e della disponibilità d’offerta nei mercati di riferimento.
Il
Gruppo nel 2011 ha evidenziato una perdita ma ha anche incrementato le attività nette a seguito dell’acquisto dei suoi primi due immobili.
Il Gruppo prevede di evidenziare per l’esercizio 2012 un risultato positivo
grazie ai ricavi generati dai due immobili per tutto l’intero esercizio.

Juventus Football Club

Per l’esercizio 2011/2012 è prevista una perdita significativa, peraltro inferiore a quella dell’esercizio 2010/2011, in quanto esso è negativamente influenzato dalla mancata partecipazione alla UEFA Champions League, dalla sostanziale stagnazione dei ricavi generati dalla vendita centralizzata dei diritti radiotelevisivi, nonché dagli effetti economici derivanti dal processo di rinnovamento della rosa della Prima Squadra. Peraltro, i ricavi beneficeranno ulteriormente dell’apertura del nuovo stadio di proprietà della Società.

Gruppo Sequana

In un contesto economico e finanziario incerto, la domanda nel segmento della carta per la stampa e per la scrittura dovrebbe segnare una diminuzione nel 2012, con un effetto più pronunciato sul primo semestre.
I primi due mesi dell'anno confermano il trend nella distribuzione e nella produzione, l’assenza di visibilità economica pesa sugli investimenti in marketing e comunicazione aziendale.
Le attività speciali di Arjowiggins (in particolare Eco-Friendly carta, Security, Medical/Hospital) dovrebbero beneficiare di un trend positivo. Per la distribuzione, la crescita dei settori relativi al Packaging e alla Comunicazione Visiva nei mercati emergenti dovrebbe continuare.
I prezzi delle materie prime dovrebbero beneficiare di un trend favorevole rispetto al 2011 nonostante un andamento ancora volatile. Questo sta già accadendo per i prezzi della pasta di legno, nonostante il moderato incremento atteso per marzo, della carta straccia e del cotone. Tuttavia i prezzi dell’energia e dei prodotti chimici rimangono ancora a livelli elevati.
Sequana prevede di raggiungere entro il 2012 una performance operativa (Risultato operativo lordo) superiore al 2011.

Gruppo Alpitour

Per quanto concerne le previsioni economiche relative all’anno 2011/2012, un esercizio ancora contrassegnato da difficoltà e da una domanda debole, il Gruppo Alpitour si è posto l’obiettivo di incrementare i volumi di vendita e consolidare i positivi risultati economici e finanziari conseguiti negli ultimi anni.

Tali obiettivi saranno però condizionati da una ripresa del mercato e dalla domanda dei consumatori, oltre che dal ritorno ad una situazione politica distesa in tutta l’area del Nord Africa, soprattutto nelle destinazioni Egitto e Tunisia.

Commercial Register No.64236277 Legal notes | Credits