Juventus

Juventus

(63,77% del capitale sociale)

 

 

 



Di seguito sono esposti i risultati del primo semestre dell’esercizio 2011/2012 di Juventus Football Club S.p.A..

€ milioni
I Semestre 2011/2012 I Semestre 2010/2011 Variazioni
Ricavi operativi 85,4 88,8 (3,4)
Risultato operativo (31,8) (37,7) 5,9
Risultato ante imposte (33,9) (38,4) 4,5
Perdita netta del periodo (34,6) (39,5) 4,9
€ milioni
31.12.2011 30.06.2011 Variazioni
Patrimonio netto 31,8 (5,0) 36,8
Posizione finanziaria netta (125,1) (121,2) 3,9

I dati interinali non possono rappresentare la base per proiezioni riferite all’intero esercizio.

Per una corretta interpretazione dei dati semestrali si ricorda che l’esercizio sociale di Juventus non coincide con l’anno solare ma copre il periodo 1° luglio – 30 giugno, che è quello di svolgimento della stagione sportiva. L’andamento economico è caratterizzato da una forte stagionalità tipica del settore di attività, determinata essenzialmente dal calendario degli eventi sportivi e dalle due fasi della Campagna Trasferimenti dei calciatori.

La perdita del primo semestre 2011/2012 è pari a € 34,6 milioni, ed evidenzia una variazione positiva di € 4,9 milioni rispetto alla perdita di € 39,5 milioni dell’analogo periodo dell’esercizio precedente che deriva principalmente da maggiori ricavi da gare (+€ 8,6 milioni), da maggiori ricavi da sponsorizzazioni (+€ 3,7 milioni), da minori costi del personale tesserato (+€ 4,4 milioni), da minori oneri della gestione calciatori (+€ 6,5 milioni) e dall’assenza di oneri non ricorrenti (+€ 7,4 milioni). Tali variazioni positive sono state parzialmente compensate da minori proventi da diritti televisivi e proventi media (-€ 8,2 milioni), da minori proventi da gestione diritti calciatori (-€ 7,2 milioni), dai maggiori ammortamenti diritti calciatori (-€ 5,9 milioni) e da maggiori ammortamenti su altre immobilizzazioni (-€ 3,6 milioni).

I Ricavi operativi del primo semestre 2011/2012, pari a € 85,4 milioni, evidenziano una diminuzione del 3,8% rispetto al dato di € 88,8 milioni del primo semestre 2010/2011.

Si ricorda che l’ammontare dei ricavi per diritti televisivi contabilizzato nel primo semestre dell’esercizio 2010/2011 derivava da una stima effettuata prima della definizione della vertenza sui c.d. “bacini d’utenza”, risoltasi solo nel luglio 2011 con un’ulteriore penalizzazione dei ricavi stimati di competenza Juventus, di circa € 9,8 milioni, interamente contabilizzata nel quarto trimestre dell’esercizio 2010/2011. Per effetto di tale penalizzazione i ricavi di competenza del primo semestre 2010/2011 sarebbero stati inferiori di € 4,1 milioni.

Il Patrimonio netto al 31 dicembre 2011 è pari a € 31,8 milioni, in aumento rispetto al saldo negativo di € 5 milioni del 30 giugno 2011 per effetto del versamento effettuato dalla controllante EXOR S.p.A. in conto aumento di capitale (€ 72 milioni), della perdita del periodo (-€ 34,6 milioni) e della movimentazione della Riserva da cash flow hedge (-€ 0,6 milioni).

La Posizione finanziaria netta al 31 dicembre 2011 è negativa per € 125,1 milioni; la variazione negativa di € 3,9 milioni rispetto al saldo negativo di € 121,2 milioni al 30 giugno 2011 deriva principalmente dagli investimenti riferibili al nuovo stadio per € 36 milioni e dagli esborsi netti derivanti dalla Campagna Trasferimenti per € 38,6 milioni, parzialmente compensati dal versamento in conto aumento di capitale effettuato da EXOR S.p.A. per € 72 milioni.

Fatti di rilievo

Campagna Trasferimenti 2011/2012 – prima fase
Nella prima fase della Campagna Trasferimenti 2011/2012 è proseguita la profonda revisione dell’organico della Prima Squadra, già avviata lo scorso anno, che ha portato a diverse cessioni e all’effettuazione di investimenti significativi per completarne il rinnovamento ed elevarne il livello qualitativo.
Le operazioni perfezionate nella prima fase della Campagna Trasferimenti 2011/2012, svoltasi in Italia dal 1° luglio al 31 agosto 2011 (e fino al 5 settembre 2011 limitatamente ad alcuni mercati esteri), hanno comportato complessivamente un aumento del capitale investito di € 85,3 milioni derivante da acquisizioni per € 91 milioni e cessioni per € 5,7 milioni (valore contabile netto dei diritti ceduti).
Le plusvalenze nette generate dalle cessioni sono state pari a € 5,6 milioni. Inoltre, gli acquisti e le cessioni a titolo temporaneo hanno determinato proventi netti per € 1,5 milioni, su base annua.
L’impegno finanziario netto complessivo (inclusi oneri accessori capitalizzati e oneri e proventi finanziari impliciti su incassi e pagamenti dilazionati) ammonta a € 79,2 milioni, così ripartiti: € 35,8 milioni nell’esercizio 2011/12, € 22,6 milioni nell’esercizio 2012/13 e € 20,8 milioni nell’esercizio 2013/14.

Campagna Abbonamenti 2011/2012
Gli abbonamenti sottoscritti per la stagione 2011/2012 sono stati 24.526, inclusi i Premium Seats, per un ricavo di € 15,1 milioni, inclusi i servizi aggiuntivi.
L’incremento rispetto alla stagione sportiva 2010/2011 è pari al 63,5% sul numero degli abbonamenti e al 190,4% in termini di ricavi.

Inaugurazione del nuovo stadio
Con l’inaugurazione del nuovo stadio, avvenuta l’8 settembre 2011, si è perfezionato il più importante investimento immobiliare intrapreso da Juventus Football Club nel corso della sua storia e si è aperta una fase nuova nella quale la Società, per il momento unica in Italia, può disporre di uno stadio di proprietà costruito secondo i più moderni criteri architettonici.

Erogazione finale dei mutui contratti con l’Istituto per il Credito Sportivo
Il 25 ottobre 2011 l’Istituto per il Credito Sportivo ha erogato le ultime tranche, per complessivi € 15 milioni, dei finanziamenti concessi per la costruzione del nuovo stadio. Pertanto, a partire dal 1° novembre 2011 è decorso l’ammortamento dei due mutui (per complessivi € 60 milioni) che avverrà in 12 anni ad un tasso fisso pari all’IRS a 6 anni (rilevato il 21 ottobre 2011) maggiorato di 220 punti base, e quindi pari al 4,383%. Il finanziamento beneficerà inoltre di un contributo su interessi determinato ai sensi della normativa vigente.

Linea di credito concessa dalla controllante EXOR S.p.A. e versamento in conto aumento di capitale
A decorrere dal 1° luglio 2011 la controllante EXOR S.p.A. ha concesso alla Società una linea di credito di € 70 milioni utilizzabile per elasticità di cassa fino al 30 dicembre 2011, data entro la quale era originariamente prevista la conclusione dell’operazione di aumento di capitale. In particolare, il contratto prevedeva i seguenti termini economici:

  • importo e scadenza: massimi € 70 milioni da rimborsare alla scadenza del 30 dicembre 2011;
  • utilizzi: utilizzi in una o più tranches di ammontare minimo di € 5 milioni;
  • liquidazione e pagamento degli interessi:interessi liquidati e pagati mensilmente alla scadenza di ogni mese solare;
  • tasso di interesse:tasso di interesse rivedibile mensilmente e pari al tasso Euribor ad un mese maggiorato di uno spread del 2%;
  •  rimborso anticipato:senza alcuna penale con facoltà per Juventus di procedere al rimborso totale o parziale dell’importo utilizzato dando preavviso di due giorni lavorativi; importo minimo rimborsabile pari a € 5 milioni;
  •  revoca: senza alcuna penale con facoltà per EXOR di richiedere il rimborso totale o parziale dell’importo utilizzato, con preavviso di 2 giorni lavorativi bancari.

L’operazione è rientrata nell’ordinario esercizio dell’attività operativa di Juventus ed è stata conclusa a condizioni equivalenti a quelle di mercato; tra l’altro, il tasso della linea di credito EXOR coincideva con quello di una delle principali linee di credito concessa da un istituto bancario.
A seguito dell’approvazione del bilancio al 30 giugno 2011, chiusosi con una perdita di € 95,4 milioni che ha determinato la completa erosione del patrimonio netto, il 23 settembre 2011, EXOR S.p.A. ha versato € 72 milioni in conto aumento di capitale a garanzia della continuità aziendale.

In pari data Juventus ha quindi estinto la linea di credito concessa da EXOR S.p.A. rimborsando l’importo complessivamente utilizzato fino a tale data, pari a € 47,5 milioni; gli interessi passivi generati dall’operazione sono ammontati complessivamente a € 0,3 milioni.

Deliberazioni dell’Assemblea ordinaria e straordinaria degli Azionisti
L’Assemblea degli Azionisti del 18 ottobre 2011 ha approvato il Bilancio di esercizio al 30 giugno 2011 e la proposta di copertura della relativa perdita di € 95,4 milioni mediante:

  • utilizzo integrale delle riserve di € 70,3 milioni iscritte nel bilancio al 30 giugno 2011;
  • riduzione del capitale sociale per € 20 milioni, previa eliminazione dell’indicazione del valore nominale delle azioni, all’importo minimo richiesto per le società per azioni, pari a € 120.000;
  • utilizzo della riserva da sovrapprezzo che si verrà a ricostituire a seguito dell’aumento del capitale di massimi € 120 milioni, deliberato dalla stessa Assemblea del 18 ottobre 2011, per i residui € 5,1 milioni.

Il 15 dicembre 2011, a seguito del rilascio del nulla osta della Consob alla pubblicazione del Prospetto Informativo relativo all’offerta in opzione e ammissione a quotazione delle azioni rivenienti dall’aumento di capitale di massimi € 120 milioni (l’”Offerta”), il Consiglio di Amministrazione ha stabilito di dare esecuzione all’aumento di capitale sociale mediante l’emissione in regime di dematerializzazione di massime n. 806.213.328 azioni ordinarie senza valore nominale, aventi le stesse caratteristiche di quelle in circolazione e godimento regolare (1° luglio 2011), da offrire in opzione agli azionisti, al prezzo di emissione di € 0,1488 per azione ordinaria, di cui € 0,1388 a titolo di sovrapprezzo, nel rapporto di n. 4 azioni ordinarie di nuova emissione ogni n. 1 azione ordinaria posseduta, per un controvalore massimo complessivo pari a € 119.964.543,21 inclusivo del sovrapprezzo.

Risultati dell’aumento di capitale
Il 30 gennaio 2012 si è conclusa con l’integrale sottoscrizione l’offerta in opzione delle azioni ordinarie di nuova emissione di Juventus Football Club S.p.A. relative all’aumento di capitale di € 119.964.543,21 deliberato dall’Assemblea straordinaria degli Azionisti del 18  ottobre 2011.
Nel periodo compreso tra il 19 dicembre 2011 e il 18 gennaio 2012 sono stati esercitati n. 176.124.107 diritti di opzione e quindi sottoscritte complessivamente n. 704.496.428 nuove azioni, pari all’87,4% del totale delle azioni offerte (n. 806.213.328), per un controvalore di € 104.829.068,49.
I restanti n. 25.429.225 diritti di opzione non esercitati sono stati integralmente venduti in Borsa tra il 23 e il 27 gennaio 2012, ai sensi dell’art. 2441, comma 3, codice civile. Il 30 gennaio 2012 ne sono stati esercitati n. 24.520.798 per sottoscrivere n. 98.083.192 nuove azioni, al prezzo unitario di € 0,1488, di cui € 0,1388 a titolo di sovrapprezzo, per un controvalore di € 14.594.778,97 (di cui n. 34.306.760 nuove azioni sottoscritte da EXOR S.p.A. per un controvalore di € 5.104.845,89).
Le residue n. 3.633.708 nuove azioni, corrispondenti a n. 908.427 diritti non esercitati, sono state infine sottoscritte dall’azionista EXOR S.p.A. in base agli impegni già assunti, per un controvalore di € 540.695,75.
Il nuovo capitale sociale di Juventus Football Club S.p.A. ammonta quindi a € 8.182.133,28 ed è rappresentato da n. 1.007.766.660 azioni ordinarie, senza valore nominale.

Commercial Register No.64236277 Legal notes | Credits