Alpitour World

Alpitour World
(100% del capitale)

Il Gruppo Alpitour è stato consolidato sulla base dei dati del primo semestre 2011, in accordo con l’IFRS 5, come già evidenziato nella sezione “Analisi dei risultati consolidati in forma sintetica” della presente relazione.

Si riportano di seguito i risultati consolidati conseguiti dal Gruppo Alpitour nel primo semestre dell’esercizio 2010/2011 (1° novembre 2010 – 30 aprile 2011).

  I Semestre
€ milioni 2011   2010 Variazioni
      Riesposto (a)  
Ricavi netti 368,5   362,4 6,1
EBITDA (10,8)   (15,5) 4,7
Risultato della gestione ordinaria (21,7)   (25,5) 3,8
Utile (perdita) consolidata attribuibile ai Soci della Controllante (11,8)   (25,7) 13,9
€ milioni 30.04.2011   2010 Variazioni
      Riesposto   
Patrimonio netto attribuito ai Soci della Controllante 60,9   83,8 (22,9)
Posizione finanziaria netta consolidata 9,4 (b) 87,0 (77,6)
(a) I costi e i ricavi relativi alla divisione distribuzione sono stati riclassificati ai sensi dell’IFRS 5. (b) Prima della distribuzione di riserve a EXOR per € 10 milioni.

Di seguito si riporta una sintesi dell’andamento sulla gestione del Gruppo Alpitour al 31 ottobre 2011.

Unica realtà italiana nel settore che copre tutta la filiera turistica, Alpitour World è il leader di mercato per quanto riguarda i viaggi organizzati, con un forte presidio anche nel segmento degli independent traveller, attraverso la piattaforma Alpitourworld.com. Le business unit che compongono Alpitour World sono Tour Operating, Alberghiero, Incoming, Aviation.

L’offerta del Gruppo spazia su 5 continenti, con oltre 200 destinazioni, operando direttamente con propri uffici in numerosi paesi, oltre all’Italia: Capo Verde, Egitto, Francia, Irlanda, Maldive, Marocco, Messico, Portogallo, Repubblica Dominicana, Spagna, Tanzania e Tunisia.

La Direzione centrale è a Torino, ma oltre 3.000 dipendenti sono attivi nelle sedi di Cuneo (Sede Legale), Milano, Malpensa, Verona, Padova, Bologna, Genova, Roma, Napoli, Palma de Maiorca e nelle filiali e centri assistenza presenti in tutto il mondo.

Con oltre 3,1 milioni di clienti nell’anno 2011 e grazie a selezionate partnership internazionali, Alpitour World è da anni stabilmente il 1° gruppo turistico italiano e si conferma nella top ten degli operatori turistici europei.

Di seguito vengono riportati i principali dati finanziari relativi agli esercizi 2010/2011 e 2009/2010 (si ricorda che l’esercizio sociale chiude al 31 ottobre di ogni anno):

      2009/2010   Variazioni
€ milioni 2010/2011   Riesposto (a)   Assolute %
Ricavi netti 1.142,3   1.183,2   (40,9) -3,5
Margine di contribuzione 183,2   190,0   (6,8) -3,6
EBITDA 47,3   46,5   0,8 1,7
Risultato della gestione ordinaria 19,7   25,8   (6,1) -23,7
Risultato Netto del Gruppo 17,3   10,9   6,3 57,9
Patrimonio netto del Gruppo 92,8   83,8   9,0  
Posizione finanziaria netta consolidata 111,7   86,8   24,9  
(a) Le division Distribuzione e M.I.C.E sono state riclassificate ai sensi dell’IFRS 5.

Si segnala che, rispetto agli anni passati, la situazione contabile consolidata al 31 ottobre 2011 riflette gli effetti derivanti dalle seguenti operazioni straordinarie:

  • la società Welcome Travel Group S.p.A. e le sue controllate (la business unit “Distribuzione”) sono state valutate con il metodo del “Patrimonio netto” anziché consolidate con il metodo “Integrale”, a seguito della cessione del 50% del capitale a Costa Crociere S.p.A.;
  • la società AW Events (la business unit “M.I.C.E.”) è stata deconsolidata a seguito della cessione della totalità della partecipazione nel corso dell’anno.

I dati relativi all’esercizio 2009/2010 sono stati “riesposti” per permettere la corretta comparabilità con l’esercizio 2010/2011.

La situazione di crisi economica che ha caratterizzato sia il 2009 sia il 2010 ha continuato a condizionare nel corso del 2011 tutte le principali economie occidentali per le quali, a partire dall’estate, sono ulteriormente peggiorate le prospettive di crescita futura. In questo contesto, il mercato turistico ha continuato di conseguenza ad evidenziare una domanda molto debole, una particolare attenzione del cliente finale alla variabile prezzo, segnale di una ridotta capacità di spesa, ed una forte propensione dei clienti finali alle prenotazioni “sotto data”.

I ricavi netti di Alpitour World hanno registrato, rispetto all’esercizio precedente, un arretramento pari al 3,5% attestandosi a €1.142,3 milioni, risultato da ritenersi tuttavia positivo se rapportato al difficile contesto economico generale ed alla crisi della domanda che ha interessato tutti i principali paesi dell’Africa Mediterranea, in primis Egitto e Tunisia. In tale contesto, il fatturato ha evidenziato una flessione, rispetto all’esercizio precedente, in relazione alla divisione tour operating e alla divisione alberghiera, parzialmente compensata da una crescita delle divisioni aviation ed incoming.

Nell’esercizio 2010/11 l’EBITDA consolidato di Gruppo si mantiene in linea a € 47,3 milioni (€ 46,5 milioni nell’esercizio 2009/2010); l’incidenza sul fatturato netto del periodo evidenzia pertanto un miglioramento passando dal 3,9% al 4,1%. Su tale andamento hanno principalmente influito azioni commerciali volte a salvaguardare la marginalità, nonché il positivo impatto degli interventi volti alla razionalizzazione ed al contenimento dei costi variabili e di struttura.

Il risultato consolidato netto di Gruppo evidenzia un utile di € 17,3 milioni, contro un corrispondente risultato di € 10,9 milioni nel 2009/2010: su tali valori hanno inciso gli accantonamenti dell’esercizio e l’aumento della voce ammortamenti oltre che gli andamenti economici già illustrati a livello di EBITDA.

La posizione finanziaria netta ha evidenziato nel corso del periodo un rilevante miglioramento passando da un valore di € 89,6 milioni dell’esercizio precedente ad un valore di € 111,7 milioni  al 31 ottobre 2011; tale variazione è stata originata principalmente dall’effetto congiunto del cash flow dell’esercizio, del miglioramento  del capitale circolante netto, nonché dagli effetti finanziari derivanti dall’incasso di € 12,2 milioni a seguito della cessione del 50% a Costa Crociere S.p.A. del capitale di Welcome Travel Group, dell’incasso di € 4,6 milioni relativo alla cessione a terzi della società AW Events e della distribuzione parziale di € 10 milioni della Riserva sovrapprezzo azioni regolata nel mese di luglio alla controllante EXOR.

Di seguito sono esaminati i fatturati delle divisioni del Gruppo Alpitour:

    Riesposto Variazioni
€ milioni 2010/2011 2009/2010 Assolute %
Tour operating 825,8 917,1 (91,3) -10,0
Alberghiero 75,9 81,2 (5,3) -6,5
Aviation 222,7 183,0 39,8 21,7
Incoming 251,1 226,2 24,9 11,0
Totale 1.375,5 1.407,4 (31,9) -2,3
Elisioni rapporti infragruppo (233,2) (224,2) (9,0) 4,0
Totale 1.142,3 1.183,2 (40,9) -3,5

Riguardo all’attività di Tour Operating, l’esercizio 2010/11 ha evidenziato, rispetto all’esercizio precedente, una diminuzione dei volumi: il numero dei passeggeri si è, infatti, attestato a 786 mila unità, contro le 908 mila del 2009/10 (-13,4%). Il fatturato, che include anche i valori di vendita di Alpitour Reinsurance, ha conseguentemente evidenziato lo stesso trend, attestandosi ad € 825,8 milioni (€ 917,1 milioni nel 2009/10), con un decremento pari al 10,0%. Il minor calo del fatturato rispetto ai volumi è stato determinato da un diverso mix di vendita, che ha evidenziato un calo delle destinazioni dei paesi dell’area nord africana a vantaggio di destinazioni che presentano prezzi medi di vendita più elevati.

Precise politiche aziendali volte alla razionalizzazione e flessibilizzazione dei costi diretti (in particolare gli impegni di vuoto pieno sulle strutture alberghiere) e di struttura, nonché politiche commerciali volte al mantenimento dei prezzi di vendita a valori di catalogo ed alla salvaguardia della marginalità, hanno consentito di limitare e contrastare efficacemente le conseguenze derivanti sia dal perdurare della crisi di mercato sia dal calo del fatturato conseguente alle tensioni politiche dell’Africa Mediterranea. Al 31 ottobre 2011 il margine di contribuzione è stato pari a € 54,3 milioni (contro € 58,6 milioni nell’anno precedente), per un’incidenza percentuale sui ricavi del 6,6% (6,4% nel 2009/2010). L’EBITDA si è attestato su un valore di € 13,9 milioni, pari a un’incidenza percentuale sul fatturato dell’1,7%, in linea con la marginalità dell’anno precedente.

Nell’esercizio 2010/11 il settore Alberghiero ha registrato un fatturato di € 75,9 milioni, contro € 81,2 milioni dell’esercizio precedente, di cui € 31,0 milioni realizzati nei confronti del tour operator del Gruppo (€ 34,6 milioni al 31 ottobre 2010).

L’andamento del fatturato risulta principalmente imputabile alla chiusura di alcuni contratti di affitto per effetto del rilascio anticipato di alcune strutture alberghiere sia di tipo “leisure” (Villaggio “Floriana”, Villaggio “Nova Siri”, Hotel “Marina Club”) sia di città (Hotel Ritz & Regent di Roma), attuato nell’ambito del piano di ristrutturazione del portafoglio prodotti della divisione alberghiera. Tale decremento è stato solo parzialmente compensato dai positivi effetti derivanti dall’apertura dell’Hotel Oriente di Bari avvenuta nel settembre 2010.

Nonostante l’effetto congiunto di azioni e politiche volte alla razionalizzazione dei costi e rivisitazione del portafoglio prodotti, al fine di limitare e compensare sia gli effetti della difficile situazione di mercato sia l’incremento dei prezzi di alcuni fattori produttivi, la divisione alberghiera ha consuntivato un margine di contribuzione in diminuzione rispetto all’esercizio precedente (€ 41,8 milioni al 31 ottobre 2011, contro € 45,8 milioni al 31 ottobre 2010), con un’incidenza percentuale sul fatturato che si attesta al 55,0% (56,4% nel 2009/10); l’EBITDA dell’esercizio è invece sostanzialmente in linea con l’esercizio precedente in termini di incidenza percentuale sul fatturato (circa 5,6%), evidenziando una leggera contrazione in termini di valore assoluto (€ 4,2 milioni al 31 ottobre 2011, contro € 4,6 milioni al 31 ottobre 2010).

La divisione Aviation, che fa capo alla compagnia aerea Neos, ha realizzato nell’esercizio 2010/11 un fatturato di € 222,7 milioni (€ 183,0 milioni nell’esercizio 2009/10), di cui € 115,8 milioni nei confronti del Gruppo (€ 103,4 milioni al 31 ottobre 2010). L’andamento del fatturato e del numero dei passeggeri trasportati è stato significativamente influenzato dal diverso mix di vendita caratterizzato, nell’esercizio 2010/11, da una crescita dell’attività charter sia verso Gruppo che operatori terzi e da una riduzione delle attività di wet lease out che presentano ricavi sensibilmente inferiori rispetto all’attività charter. Al riguardo si precisa infatti che i prezzi di vendita dell’attività di wet lease out sono determinati sulla base di alcune limitate componenti di costo (lease, equipaggi, manutenzioni ed assicurazioni) essendo altri rilevanti costi (in primis il fuel) direttamente a carico della compagnia aerea cliente. A fronte di una crescita di fatturato di circa € 40 milioni, il numero di passeggeri trasportati nell’esercizio 2010/11 è stato pari a circa 957 mila, contro le 958 mila unità dell’esercizio precedente.

Neos ha saputo raggiungere importanti risultati operativi grazie sia alla capacità di conseguire i massimi livelli di utilizzazione degli aeromobili sia ad attente politiche commerciali e di razionalizzazione dei costi. Il margine di contribuzione del periodo si è attestato a € 66,4 milioni, contro € 66,1 milioni del 2009/10. L’EBITDA del periodo, beneficiando dei positivi effetti derivanti dalla razionalizzazione dei costi operativi (principalmente i costi di leasing aeromobili e del personale) ha evidenziato un miglioramento di € 2 milioni rispetto all’esercizio precedente (€ 25,4 milioni al 31 ottobre 2011, contro € 23,4 milioni al 31 ottobre 2010). Il margine sull’EBITDA è sceso all’11,4% rispetto al 12,8% dell’esercizio precedente: il 2009/10 ha infatti registrato un’elevata attività di wet lease out,  che presenta prezzi medi di vendita inferiori rispetto alle operazioni charter ma migliore redditività.

Il settore dell’Incoming (Gruppo Jumbo Tours) nel corso del 2010/11 ha consuntivato un fatturato di € 251,1 milioni (di cui € 83,2 milioni nei confronti del Gruppo Alpitour), evidenziando un incremento (+11,0%) rispetto all’esercizio precedente (€ 226,2 milioni di cui € 83,3 milioni nei confronti del Gruppo). Il Gruppo Jumbo, pur in presenza di fattori esogeni, quali gli effetti derivanti dal perdurare della congiuntura economica negativa, ha saputo consolidare i volumi attraverso incisive politiche commerciali e grazie ad una sensibile crescita della domanda sulle destinazioni Canarie, Baleari e Capo Verde conseguente alla crisi del Nord Africa, registrando un incremento del numero di passeggeri gestiti di circa il 29,0% rispetto al 31 ottobre 2010.

Il traffico apportato dagli operatori terzi ha registrato nel periodo in esame un volume di 1.901 mila passeggeri (1.406 mila al 31 ottobre 2010) ed ha rappresentato l’88,7% circa dei volumi totali gestiti dalla divisione incoming.  Su tali valori ha peraltro inciso lo start-up avvenuto nel 2010/11 delle operazioni di incoming a favore dell’operatore spagnolo “El Corte Inglés”, nonché il consolidamento delle attività già in essere con “Hotel 4 U” (Gruppo Tomas Cook), operatori che hanno assegnato al Gruppo Jumbo Tours l’esclusiva per la gestione del loro traffico clienti. Per quanto attiene i volumi apportati dal tour operator del Gruppo, il periodo in esame ha registrato 243 mila passeggeri, contro i 256 mila del 2009/10: su tale andamento ha influito il calo dei clienti nelle destinazioni Tunisia e Marocco, solo parzialmente compensato dalla crescita di Baleari e Canarie.

Il margine di contribuzione del settore si è infatti attestato ad € 17,5 milioni, in miglioramento rispetto ad € 16,2 milioni dell’esercizio precedente. L’EBITDA ha evidenziato, nel periodo in esame, un analogo miglioramento attestandosi ad € 3,7 milioni (€ 2,9 milioni al 31 ottobre 2010), con un’incidenza percentuale sul fatturato pari a 1,5% (1,3% nell’esercizio 2009/10).

Fatti di rilievo

Cessione del 50% del capitale di Welcome Travel Group:
nel mese di febbraio 2011 è stato firmato un accordo tra Alpitour  S.p.A. e la società Costa Crociere S.p.A. volto a regolare l’ingresso della società leader delle crociere in Italia nel capitale della società Welcome Travel Group S.p.A., con una quota del 50%. L’obiettivo della partnership è lo sviluppo e la crescita della rete distributiva in un’ottica di continuo miglioramento dei servizi alla clientela finale. Si segnala che l’operazione, ottenuto il parere favorevole dell’antitrust, è stata perfezionata nel mese di aprile 2011. L’acquisizione da parte di Costa Crociere S.p.A. della partecipazione in Welcome Travel Group S.p.A., ad un prezzo complessivo di € 16,3 milioni, si è concretizzata sia attraverso l’acquisto di azioni (per un prezzo pari ad € 14,7 milioni) che attraverso la sottoscrizione di un aumento di capitale riservato (per un importo di € 1,6 milioni); una parte del prezzo delle azioni (pari ad € 2,5 milioni) è stata definita sotto forma di “earn out” pagabile entro i 24 mesi dalla conclusione dell’operazione, al raggiungimento di obiettivi predefiniti.

Cessione della partecipazione di AW Events S.r.l.:
nel mese di luglio 2011 è stato firmato un accordo tra Alpitour S.p.A. e la società Alessandro Rosso Incentive S.p.A. avente ad oggetto la cessione dell’intera partecipazione in AW Events S.r.l. (detenuta da Alpitour S.p.A. per l’83,9%). La cessione della partecipazione, avvenuta ad un prezzo complessivo di € 5,5 milioni (di cui € 4,6 milioni di competenza del Gruppo) si è perfezionata in data 15 settembre 2011.

Nuova sede unica di Torino:
nel mese di settembre 2011 è stato comunicato il progetto della nuova sede del Gruppo Alpitour in cui confluiranno, a partire dal secondo semestre 2012, tutti i dipendenti delle attuali sedi di Torino e Cuneo. La nuova sede consentirà di ottenere un risparmio di costi, un consistente miglioramento in termini di efficacia ed efficienza e garantirà altresì stabilità e continuità al business, nonché nuove opportunità di confronto e sviluppo professionale.

 

Commercial Register No.64236277 Legal notes | Credits