CNH Industrial

CNH INDUSTRIAL

( 26,97% dell’interesse economico, 39,99% dei diritti di voto sul capitale emesso.
Inoltre FCA detiene l’1,17% dell’interesse economico, 1,74% dei diritti di voto)

 

I principali dati consolidati conseguiti da CNH Industrial nel primo trimestre 2015 (predisposti in base agli IFRS) sono evidenziati di seguito:

  I Trimestre Variazioni
$ milioni 2015 2014  
Ricavi netti 6.067 7.644 (1.577)
Utile (perdita) della gestione ordinaria 267 510 (243)
Utile (perdita) operativo 258 480 (222)
Utile (perdita) prima delle imposte 113 291 (178)
Utile (perdita) consolidata 30 146 (116)
Utile (perdita) consolidata attribuibile ai Soci della Controllante 28 145 (117)
$ milioni 31.03.2015 31.12.2014 Variazioni
Totale attivo consolidato 49.632 54.441 (4.809)
(Indebitamento) / Disponibilità nette (22.164) (23.590) 1.426
- di cui: (Indebitamento) / Disponibilità nette delle Attività Industriali  (3.120) (2.874) (246)
Patrimonio netto attribuibile ai Soci della Controllante 7.339 7.534 (195)

Ricavi netti

Nel primo trimestre 2015 i ricavi netti del Gruppo CNH Industrial sono stati pari a $ 6.067 milioni, in diminuzione del 20,6% rispetto al primo trimestre 2014 (-10,7% a cambi costanti). I ricavi netti delle Attività Industriali sono stati pari a $5.682 milioni, in calo del 21,8% rispetto al primo trimestre 2014 (-11,7% a cambi costanti). In particolare, la diminuzione di Macchine per l’Agricoltura (-23,9% a cambi costanti) è dovuta al decremento dei volumi e al mix prodotto sfavorevole in tutte le region; la diminuzione di Macchine per le Costruzioni (-16,9% a cambi costanti) è dovuta principalmente al decremento dei volumi e al mix prodotto sfavorevole, in particolare in LATAM, mentre la diminuzione di Powertrain (-10,3% a cambi costanti) è dovuta a minori vendite ai clienti captive. Senza considerare l’impatto negativo delle differenze cambio da conversione, Veicoli Commerciali evidenzia un incremento dei ricavi di circa il 5,9%, grazie principalmente al positivo andamento dei volumi e del mix in EMEA, annullato dal negativo impatto delle differenze cambio in LATAM che determinano la riduzione dell’11,2% a cambi correnti. L’andamento di Servizi Finanziari, in linea a cambi correnti, evidenzia un incremento dell’8,6% a cambi costanti, grazie al maggior portafoglio medio gestito, parzialmente compensato dal calo nei rendimenti degli interessi.

  I Trimestre Variazioni
$ milioni 2015 2014 assolute %
Macchine per l'Agricoltura 2.577 3.706 (1.129) -30,5
Macchine per le Costruzioni 602 774 (172) -22,2
Veicoli Commerciali 2.091 2.354 (263) -11,2
Powertrain 904 1.205 (301) -25,0
Elisioni e altre (492) (776) 284 -
Totale delle Attività Industriali 5.682 7.263 (1.581) -21,8
Servizi Finanziari 494 509 (15) -2,9
Elisioni e altre (109) (128) 19 -
Ricavi netti 6.067 7.644 (1.577) -20,6

Utile (perdita) della gestione ordinaria

L’utile della gestione ordinaria del primo trimestre 2015 è stato di $267 milioni, in calo del 47,6% (-40,5% a cambi costanti) rispetto al primo trimestre 2014. Il margine sui ricavi è stato del 4,4%, rispetto al 6,7% del primo trimestre 2014.
L’utile della gestione ordinaria delle Attività Industriali è stato pari a $140 milioni, in calo di $240 milioni rispetto al primo trimestre 2014, con un margine operativo del 2,5%, in calo di 2,7 punti percentuali rispetto al periodo di confronto.
La diminuzione dell’utile della gestione ordinaria di Macchine per l’Agricoltura è causato da volumi e mix negativi, incluso l’impatto negativo del minor assorbimento dei costi industriali come conseguenza delle misure previste per il ribilanciamento delle scorte, in parte compensato da migliori prezzi netti, efficienze sugli acquisti e riduzioni strutturali sui costi.
Il miglioramento di Veicoli Commerciali è dovuto ai volumi, al mix favorevole e alla riduzione delle spese generali, amministrative e di vendita.
Le Macchine per le Costruzioni hanno chiuso il primo trimestre 2015 con un risultato in sostanziale pareggio e in linea con il dato del primo trimestre 2014. Il calo dei volumi e gli effetti sfavorevoli del mix, principalmente nelle macchine pesanti in LATAM, sono stati compensati dalle azioni strutturali di contenimento dei costi implementate nel 2014.
L’utile della gestione ordinaria dei Servizi Finanziari è in linea con il primo trimestre 2014.

  I Trimestre Variazioni
$ milioni 2015 2014  
Macchine per l'Agricoltura 157 442 (285)
Macchine per le Costruzioni (4) 1 (5)
Veicoli Commerciali (22) (74) 52
Powertrain 28 30 (2)
Elisioni e altre (19) (19) 0
Totale delle Attività Industriali 140 380 (240)
Servizi Finanziari 127 130 (3)
Elisioni e altre 0 0 0
Utile della gestione ordinaria 267 510 (243)

Utile (perdita) operativo

Nel primo trimestre 2015 i costi di ristrutturazione sono stati pari a $9 milioni e si riferiscono ad azioni nei settori Macchine per l’Agricoltura e Veicoli Commerciali ed agli oneri sostenuti nell’ambito del Programma di Efficienza annunciato nel 2014. Gli oneri di ristrutturazione del primo trimestre 2014 erano pari a $30 milioni e si riferivano principalmente al settore Macchine per le Costruzioni.

Utile (perdita) del periodo

Nel corso del primo trimestre 2015 sono stati contabilizzati oneri finanziari netti per $155 milioni rispetto ai $215 milioni nel primo trimestre 2014, comprensivi di un onere non ricorrente di $64 milioni dovuto alla rimisurazione delle attività venezuelane denominate in bolivar a seguito dei cambiamenti nel meccanismo di determinazione dei tassi di cambio in Venezuela. Al netto di tale voce, il confronto con il medesimo periodo del 2014 evidenzia un aumento di $4 milioni, principalmente a causa di perdite su cambi, solo parzialmente compensate dal minore costo del debito.

Nel primo trimestre 2015 le imposte sul reddito sono state pari a $83 milioni ($145 milioni nel primo trimestre 2014), equivalenti a un’aliquota effettiva del 73,5% (49,8% per il primo trimestre 2014, ovvero 40,8% al netto degli effetti non ricorrenti derivanti dal citato onere in Venezuela). L’incremento è dovuto alla mancata contabilizzazione di attività per imposte anticipate su perdite fiscali in alcuni Paesi.

Indebitamento netto

L’indebitamento netto industriale al 31 marzo 2015 è risultato pari a $3.120 milioni rispetto ai $2.874 milioni del 31 dicembre 2014, in aumento di $246 milioni. I flussi di cassa generati dalle attività operative prima delle variazioni nel capitale circolante sono stati pari a $136 milioni, mentre il capitale circolante ha assorbito $772 milioni, soprattutto a causa dell’incremento delle scorte di magazzino. Gli investimenti netti sono stati pari a $185 milioni e l’effetto cambio ha pesato positivamente sull’indebitamento industriale netto per $616 milioni.

$ milioni 31.03.2015 31.12.2014 Variazioni
Debiti finanziari (26.657) (29.701) 3.044
- Debiti per anticipazioni su cessioni di crediti (12.501) (13.587) 1.086
- Altri debiti finanziari (14.156) (16.114) 1.958
Altre attività (passività) finanziarie (1) (22) (30) 8
Liquidità 4.515 6.141 (1.626)
(Indebitamento netto)/Disponibilità nette (22.164) (23.590) 1.426
Attività industriali (3.120) (2.874) (246)
Servizi finanziari (19.044) (20.716) 1.672
(1) Include il fair value positivo e negativo degli strumenti finanziari derivati.

Fatti di rilievo del primo trimestre 2015 e successivi

Nel mese di aprile 2015, CNH Industrial ha annunciato, in linea con il programma globale di efficienza finalizzato lanciato nel 2014, alcune modifiche a livello di localizzazione geografica della produzione dei veicoli commerciali Iveco che interessano i siti produttivi di Madrid, Valladolid e Piacenza.

 

 

Commercial Register No.64236277 Legal notes | Credits