Cushman & Wakefield

Cushman & Wakefield  (81,07% del capitale sociale tramite EXOR S.A.)

 

I dati di seguito esposti e commentati sono desunti dalla situazione contabile consolidata al 30 giugno 2015 di C&W Group predisposta in base agli IFRS.

Si ricorda che una parte significativa dei ricavi di C&W Group è caratterizzata da una forte stagionalità il che determina difficoltà nel confrontare i dati finanziari e i risultati gestionali su base trimestrale. Storicamente tale stagionalità ha comportato ricavi, risultati operativi, risultati netti e flussi finanziari delle attività operative di C&W Group inferiori nei primi due trimestri e superiori nel terzo e quarto trimestre di ogni anno. La concentrazione dei risultati e dei flussi finanziari nel quarto trimestre è dovuta ad un interesse generalizzato degli operatori a concludere le transazioni sul fine anno.

  I Semestre Variazioni 
$  milioni 2015 2014 assolute %
Ricavi netti (Commissioni e costi per servizi) (A) 983,9 895,2 88,7 9,9
Rimborsi di costi sostenuti per conto terzi (B) 353,6 383,8 (30,2) -7,9
Ricavi lordi (A+B) 1.337,5 1.279,0 58,5 4,6
Costi 979,6 882,6 97,0 11,0
Rimborsi di costi sostenuti per conto terzi  353,6 383,8 (30,2) -7,9
Totale costi 1.333,2 1.266,4 66,8 5,3
Utile operativo (1) 4,3 12,6 (8,3) -65,9
Adjusted EBITDA (2) 29,9 39,0 (9,1) -23,3
EBITDA 33,1 36,8 (3,7) -10,1
Utile (perdita) consolidata attribuibile ai Soci della Controllante - Rettificata (3) (12,4) 1,8 (14,2) n.s.
Utile consolidato attribuibile ai Soci della Controllante  1,0 11,9 (10,9) -91,6
(1) L’Utile operativo esclude gli effetti della variazione della passività verso Azionisti di minoranza, proventi (oneri) da differenze cambio ed altri proventi (oneri) diversi del semestre corrente e dell’esercizio precedente, nonché gli oneri sostenuti nel semestre in corso in relazione alla fusione con DTZ. Tali oneri sono classificati nella voce “Altri oneri netti” nel conto economico consolidato. (2) L’EBITDA rappresenta il risultato prima degli oneri finanziari, degli oneri fiscali ed ammortamenti, mentre l’Adjusted EBITDA esclude l’effetto degli oneri non ricorrenti relativi ad alcune acquisizioni e a riorganizzazioni per $3,2 milioni ($2,2 milioni nel primo semestre 2014). La Società ritiene che l’EBITDA e l’Adjusted EBITDA siano utili nella valutazione della performance operativa rispetto a quella di altre aziende del settore in quanto forniscono un quadro più completo dei propri risultati operativi. Poiché gli IFRS non forniscono una definizione di EBITDA e Adjusted EBITDA, i dati potrebbero non essere comparabili con gli indicatori con analoga denominazione utilizzati da altre società. (3) L’Utile (perdita) consolidata attribuibile ai Soci della Controllante - rettificata esclude, al netto degli effetti fiscali, gli oneri non ricorrenti relativi ad acquisizioni e a riorganizzazioni, ammortamenti anticipati di software e alcuni benefici fiscali non ricorrenti per $13,4 milioni ($8,3 milioni nel primo semestre 2014), nonché gli oneri per svalutazioni, al netto degli effetti fiscali, di software per $1,8 milioni nel primo semestre 2014.
$ milioni 30.06.2015 31.12.2014 Variazioni
Patrimonio netto attribuibile ai Soci della Controllante 836,0 837,2 (1,2)
Posizione finanziaria netta consolidata (209,9) (56,8) (153,1)

Nel primo semestre 2015, C&W Group ha registrato una crescita significativa dei ricavi, raggiungendo livelli record. Tale performance è riconducibile principalmente  ai maggiori ricavi realizzati da transazioni dell’attività di Capital Markets, in crescita del 39,6% grazie alle diverse iniziative intraprese nell’ambito dei piani di sviluppo della società e all’acquisizione di Massey Knakal, società di investment sales leader a New York per numero di transazioni conseguite. Inoltre l’attività di Corporate Occupier & Investor Services (CIS) ha continuato a crescere, grazie ai maggiori ricavi ricorrenti legati ai rilevanti incarichi ottenuti.

Oltre alla forte performance del primo semestre, la Società ha continuato a realizzare il suo piano strategico, investendo in “città chiave” di tutto il mondo ed effettuando acquisizioni per poter migliorare la gamma dei servizi offerti. Nel febbraio 2015 C&W Group ha acquisito la Property Tax Resources (PTR), integrando la propria offerta di servizi fiscali nell’attività di Valuation and Advisory (V&A), per poter fornire una consulenza fiscale di livello nazionale ai propri clienti. La Società ha inoltre acquisito nel mese di maggio la J.F. McKinney & Associates, leader di mercato tra le società di leasing a Chicago, che gestisce un totale di oltre 16 milioni di square feet di office space, tra cui molti edifici di pregio come il Merchandise Mart e il John Hancock Center.

Più in particolare, nel primo semestre 2015 C&W Group ha registrato un aumento dei ricavi lordi pari al 4,6% (9,1% se si esclude l’effetto cambio) che si sono attestati a un record di $1.337,5 milioni ($1.279,0 milioni nel primo semestre 2014). Nello stesso periodo i ricavi netti sono aumentati del 9,9% (15,7% escludendo l’effetto cambio) facendo registrare un risultato record di $983,9 milioni ($895,2 milioni nel primo semestre 2014).

Di seguito è evidenziata la ripartizione dei ricavi lordi e dei ricavi netti per area geografica:

  I Semestre Variazioni
$  milioni 2015 2014 Assolute %
Americhe 1.008,2 75,4% 927,0 72,5% 81,2 8,8%
EMEA 219,8 16,4% 235,8 18,4% (16,0) -6,8%
Asia Pacific 109,5 8,2% 116,2 9,1% (6,7) -5,8%
Ricavi lordi 1.337,5 100,0% 1.279,0 100,0% 58,5 4,6%
Americhe 740,0 75,2% 625,1 69,8% 114,9 18,4%
EMEA 168,9 17,2% 192,5 21,5% (23,6) -12,3%
Asia Pacific 75,0 7,6% 77,6 8,7% (2,6) -3,4%
Ricavi netti 983,9 100,0% 895,2 100,0% 88,7 9,9%

L’andamento dei ricavi lordi e netti per il primo semestre 2015 è stato trainato da una forte crescita nella area Americhe, principalmente negli Stati Uniti. Fuori dagli Stati Uniti, l’andamento è stato influenzato negativamente dall’effetto dei cambi dovuto al rafforzamento costante del US$ nel periodo di riferimento.
Escludendo l’impatto delle differenze cambio, i ricavi netti aumentano del 21,3% nelle Americhe, del 2,1% nell’area Asia Pacific e del 1,6% nell’area EMEA.

Di seguito è evidenziata la ripartizione dei ricavi netti per tipologia di servizi:

  I Semestre Variazioni
$  milioni 2015 2014 Assolute %
Leasing 407,8 41,4% 396,2 44,3% 11,6 2,9
Capital Markets 164,6 16,7% 117,9 13,2% 46,7 39,6
CIS  309,9 31,6% 279,6 31,2% 30,3 10,8
Valuation & Advisory and Global Consulting 101,6 10,3% 101,5 11,3% 0,1 0,1
Ricavi netti 983,9 100,0% 895,2 100,0% 88,7 9,9

Di seguito si espone il dettaglio delle variazioni dei ricavi netti per il primo semestre 2015 rispetto allo stesso periodo del 2014, per tipologia di servizi e per area geografica:

  Americhe EMEA ASIA PACIFIC Totale
$  milioni assolute % assolute % assolute % assolute %
Leasing 26,1 8,4 (15,0) -22,7 0,5 2,4 11,6 2,9
Capital Markets 48,1 65,4 1,0 2,9 (2,4) -24,7 46,7 39,6
CIS  36,1 20,2 (4,8) -7,7 (1,0) -2,5 30,3 10,8
Valuation & Advisory e Global Consulting 4,6 7,1 (4,8) -15,6 0,3 4,3 0,1 0,1
Ricavi netti 114,9 18,4 (23,6) -12,3 (2,6) -3,4 88,7 9,9

L’andamento dei ricavi da “Leasing” del primo semestre 2015 è stato guidato dalla forte crescita nell’area Americhe, principalmente negli Stati Uniti. I ricavi nell’area EMEA diminuiscono del 22,7% a causa del minor numero di operazioni di alto profilo completate e dell’impatto negativo dell’effetto dei cambi.

L’attività “Capital Markets” continua il trend positivo grazie al miglioramento del mercato del credito, l’abbondante liquidità del mercato e il permanere di un livello dei tassi di interesse contenuti che hanno incrementato gli investimenti nel settore. La crescita è stata stimolata dai forti incrementi dell’attività “Investment Sales & Acquisitions” che ha contribuito per $41,9 milioni (43,3%) all’aumento totale dei ricavi di cui $40,6 milioni (70,2%) generati nell’area Americhe, $3 milioni (10%) nell’area EMEA, ed è stata mitigata dal negativo impatto dell’effetto dei cambi nelle aree fuori dagli Stati Uniti.
Tale performance è stata alimentata dalla contribuzione della crescita della società, legata alle iniziative intraprese per attuare il piano strategico come l’acquisizione di Massey Knakal Realty Services il 31 dicembre 2014.

L’attività “CIS” ha continuato nel primo semestre 2015 la sua forte crescita, guidata dall’area Americhe, grazie ai ricavi della sub linea “Facilities Management”, in aumento di $33,1 milioni (32,2%), dove un importante incarico ottenuto nel marzo 2014 ha aggiunto circa 27 milioni di square feet di strutture gestite e in misura minore alla sub linea Project Management, i cui ricavi sono aumentati di $3,0 milioni (18,7%) principalmente per il maggior numero di progetti rispetto al primo semestre 2014. I ricavi nell’area Americhe sono stati guidati dagli Stati Uniti dove sono aumentati di $43,6 milioni (34,4%), seguito dal Canada, in aumento di $2,9 milioni (8,6%). I ricavi fuori dagli Stati Uniti sono stati influenzati negativamente dalle differenze cambio. Escludendo l’effetto delle differenze cambio, i ricavi da CIS sono aumentati del 26,9% nell’area Americhe, 6,1% in EMEA e 2,0% nell’area Asia Pacific.

La crescita dei ricavi da “V&A” per il semestre chiuso al 30 giugno 2015 è stata guidata da una forte performance nell’area Americhe, principalmente negli Stati Uniti, per effetto della crescita della società, dove l’attività ha cominciato a beneficiare dei livelli di attività registrati nella seconda parte del 2014 e dell’acquisizione di PTR effettuata nel mese di febbraio 2015, nell’ambito dell’esecuzione delle proprie iniziative strategiche. La crescita dei ricavi nell’area Asia Pacific ha beneficiato dei forti ricavi registrati in Hong Kong, principalmente per il completamento di un numero di operazioni importanti nel semestre corrente. L’impatto negativo delle differenze cambio ha avuto un effetto significativo sui risultati nell’Area Emea e la crisi economica in Brasile hanno continuato ad influenzare negativamente i ricavi. Escludendo l’effetto cambio i ricavi da V&A nell’area EMEA hanno registrato un lieve aumento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La crescita dell’attività V&A è stata positiva in tutte e tre le aree, escludendo l’effetto dei cambi, grazie ad una gamma di servizi più vasta che ha diversificato le fonti di ricavo e generato una crescita degli stessi.

Il totale costi, che esclude gli altri oneri netti e i rimborsi di costi sostenuti per conto terzi rispettivamente pari a $353,6 milioni e $383,8 milioni per il primo semestre 2015 e 2014, è aumentato di $97,0 milioni (11,0%) attestandosi a $979,6 milioni ($882,6 milioni nel primo semestre 2014). Tale incremento dei costi totali, superiore alla crescita dei ricavi netti, è dovuto principalmente all’aumento delle commissioni passive legate alla crescita dei ricavi da Capital Markets e Leasing, al costo dei servizi resi dovuto alla continua crescita dell’attività CIS, ai costi del personale e ad altri oneri operativi legati all’incremento dei ricavi e ai progetti di sviluppo previsti dal piano strategico della Società. Inoltre, il totale costi include alcuni oneri relativi ad acquisizioni e a riorganizzazioni non ricorrenti, per un valore rispettivamente di $1,0 milione nel primo semestre 2015 e $0,8 milioni nel primo semestre 2014, non inclusi nel calcolo dell’Adjusted EBITDA, e alcuni oneri legati a ammortamenti anticipati di software per $0,6 milioni nel primo semestre 2015 e $0,1 milioni nel primo semestre 2014, esclusi dal calcolo dell’Utile (perdita) rettificata attribuibile ai soci della controllante, così come oneri non ricorrenti relativi alle svalutazioni per $2,8 milioni, che erano esclusi dal calcolo dell’Utile rettificato attribuibile ai soci della controllante nel primo semestre 2014.

A livello operativo, C&W Group ha evidenziato nel primo semestre 2015 un utile pari a $4,3 milioni ($12,6 milioni nel primo semestre 2014).

Gli altri oneri netti ammontano a $2,8 milioni nel primo semestre 2015 in diminuzione di $1,9 milioni rispetto al dato del primo semestre 2014 pari a $4,7 milioni. Il decremento è principalmente attribuibile alla diminuzione di $13,5 milioni degli oneri non ricorrenti relativi alla passività verso gli azionisti di minoranza, che includono un provento non ricorrente di $16,6 milioni contabilizzato con riferimento alla fusione in corso con DTZ. Tale decremento è stato parzialmente compensato da un incremento di $11,0 milioni degli oneri netti non ricorrenti per riorganizzazioni, che ammontano a $12,4 milioni nel primo semestre 2015 ($1,4 milioni nel primo semestre 2014) e includono costi sostenuti nell’ambito della fusione per $11,9 milioni. I proventi netti non ricorrenti relativi alla riorganizzazione pari a $4,2 milioni e gli oneri netti non ricorrenti relativi alla riorganizzazione pari a $1,4 milioni, sono esclusi per il primo semestre 2015 e 2014, dall’Adjusted EBITDA.

L’Adjusted EBITDA per il primo semestre 2015 è pari a $29,9 milioni in diminuzione di $9,1 milioni (23,3%) rispetto al dato del primo semestre 2014 di $39,0 milioni. L’EBITDA del primo semestre 2015 ammonta a $33,1 milioni, in diminuzione di $3,7 milioni (10,1%) rispetto all’EBITDA record di $36,8 milioni registrato nel primo semestre 2014.

La perdita netta rettificata attribuibile ai Soci della Controllante nel primo semestre 2015 ammonta a $12,4 milioni (utile netto rettificato del primo semestre 2014 pari a $1,8 milioni). Tali dati escludono, al netto degli effetti fiscali, gli oneri non ricorrenti relativi ad acquisizioni e riorganizzazioni, alcuni oneri per ammortamenti di software e alcuni benefici fiscali non ricorrenti per un totale di $13,4 milioni di proventi netti nel primo semestre 2015 e $8,3 milioni di proventi netti nel primo semestre 2014. Inoltre nel primo semestre 2014 escludeva gli oneri relativi alle svalutazioni di software pari a $1,8 milioni. L’utile netto attribuibile ai Soci della Controllante del primo semestre 2015 è pari a $1,0 milione ($11,9 milioni nel primo semestre 2014).

Al 30 giugno 2015 la posizione finanziaria netta di C&W Group risulta negativa per $209,9 milioni (negativa per $56,8 milioni al 31 dicembre 2014).

Il solido contesto commerciale immobiliare che ha caratterizzato il mercato del real estate nel 2014 prosegue, incrementando l'attività anche nel 2015. C&W Group prevede di beneficiare di tale andamento positivo nel corso dell’anno e rimane focalizzata sull’obiettivo di raggiungere risultati ai massimi livelli e di migliorare la quota di mercato nelle città che considera strategiche a livello globale. Inoltre il Consiglio di Amministrazione di C&W Group, Inc., ha avviato un processo per identificare un eventuale partner in grado di accelerare gli obiettivi di crescita. In data 11 maggio, la Società ha annunciato di aver raggiunto un accordo definitivo per fondersi con DTZ, dando vita così ad una delle più grandi realtà nel campo dei servizi per il settore immobiliare, continuando a operare con il marchio Cushman & Wakefield. Il perfezionamento dell’operazione è previsto entro la fine del terzo trimestre 2015 ed è soggetto alle consuete condizioni di closing.

Commercial Register No.64236277 Legal notes | Credits