Ferrari

ferrari_1.jpg (22,91% dell’interesse economico e 32,75% dei diritti di voto sul capitale emesso)

I principali dati consolidati conseguiti da Ferrari nei primi nove mesi del 2016 e nel terzo trimestre del 2016 (predisposti in base agli IFRS) sono evidenziati di seguito:

ferrari-tabella-1.png

(1) L’Adjusted EBIT è una misura non-GAAP utilizzata per misurare la propria performance. È calcolato sottraendo all’EBIT oneri e proventi che si stima non si verifichino di frequente.
(2) L’Adjusted EBITDA è una misura non-GAAP utilizzata per misurare la propria performance. È calcolato sottraendo all’EBITDA (utile netto prima delle imposte sul reddito, degli oneri/proventi finanziari netti e degli ammortamenti) oneri e proventi che si stima non si verifichino di frequente.

Consegne

Le consegne del terzo trimestre 2016 sono state pari a 1.978 unità, con un incremento di 29 unità rispetto al terzo trimestre 2015. Tale performance è stata trainata da una crescita del 15% delle vendite dei modelli a 12 cilindri (V12), guidata dal successo della F12tdf, dalle prime consegne della GTC4Lusso e dal recente lancio del modello LaFerrari Aperta.

ferrari-tabella-2.png

ferrari-tabella-3.png

Ricavi netti

I ricavi netti del terzo trimestre 2016 sono stati pari a € 783 milioni, in crescita di € 60 milioni (+8,3%; +7,9% a cambi costanti) rispetto al terzo trimestre 2015.

I ricavi netti dalla vendita di Automobili e parti di ricambio sono in linea con il terzo trimestre 2015, grazie ai maggiori volumi di 488 GTB, 488 Spider e F12tdf, dalle prime consegne dei modelli GTC4Lusso e La Ferrari Aperta e dal maggior contributo generato dalle personalizzazioni, in parte compensato da minori vendite di LaFerrari, giunta al completamento del suo ciclo di vita, e da ritardi logistici causati nella region Resto dell’APAC.

Il netto miglioramento relativo ai Motori (+92%) è principalmente attribuibile alle rilevanti vendite a Maserati e all’aumento dei ricavi generati dalla fornitura ad altre scuderie di Formula 1.

La crescita di Sponsorizzazioni, proventi commerciali e relativi al marchio (+14%) è ascrivibile soprattutto al miglior posizionamento nelle classifiche del Campionato 2015 rispetto al 2014, all’aumento dei ricavi derivanti dalle sponsorizzazioni e al contributo positivo delle attività legate al marchio.

ferrari-tabella-4.png

ferrari-tabella-5.png

Adjusted EBIT

L'adjusted EBIT del terzo trimestre 2016 è pari a € 172 milioni, in miglioramento di € 32 milioni (+23%) rispetto al terzo trimestre 2015, grazie alla crescita dei volumi e al contributo positivo dei programmi di personalizzazione, in parte compensato dalla fine produzione della famiglia 458 e della FF.

Il mix ha subito l'effetto negativo (-€ 12 milioni) di LaFerrari, giunta al completamento del suo ciclo di vita, in parte compensato dal recente lancio del modello LaFerrari Aperta e dalle maggiori vendite dei V12 rispetto ai V8, soprattutto grazie alla F12tdf.

Indebitamento netto industriale

L'indebitamento netto industriale al 30 settembre 2016 è stato pari a € 585 milioni, in miglioramento rispetto a € 763 milioni del 30 giugno 2016 grazie al flusso di cassa generato dalle attività operative, in parte compensato dagli investimenti del terzo trimestre 2016 che sono pari a € 75 milioni.

ferrari-tabella-6.png

(1) L’indebitamento netto industriale è definito come l’indebitamento netto esclusa la porzione finanziata del portafoglio di crediti finanziari autoliquidanti.

Fatti successivi

Il 20 ottobre 2016, Ferrari Financial Services Inc., controllata indiretta al 100% di Ferrari N.V., ha messo in atto un programma di cartolarizzazione revolving per il finanziamento dell'importo massimo di USD 200 milioni, attraverso la costituzione in pegno di crediti originati da operazioni di leasing finanziario negli Stati Uniti d'America a titolo di garanzia collaterale. I titoli generano un interesse a un tasso annuo pari al LIBOR più un margine di 70 punti base.

I proventi della prima vendita dei crediti finanziari sono stati pari a USD 175 milioni e sono stati usati per rimborsare a ottobre un finanziamento non garantito di USD 150 milioni.

Il 7 novembre 2016 Ferrari e FCA Bank hanno perfezionato l'accordo, annunciato nei mesi precedenti, relativo all'attività di servizi finanziari in Europa. FCA Bank ha acquisito una quota di maggioranza in Ferrari Financial Services GmbH per un corrispettivo complessivo pari a € 18,6 milioni, in esecuzione del contratto di acquisizione del pacchetto azionario già sottoscritto tra le parti nel corso dell’anno corrente. In seguito al finanziamento erogato direttamente da FCA Bank, che sarà l'entità consolidante, Ferrari N.V. riceverà € 432 milioni.

Commercial Register No.64236277 Legal notes | Credits