Cushman & Wakefield

Cushman & Wakefield

(69,34% del capitale sociale tramite EXOR S.A.)

 

I dati di seguito esposti e commentati sono desunti dalla situazione contabile consolidata al 31 marzo 2012 di C&W Group predisposta in base agli IFRS, se non diversamente indicato.

Per interpretarne correttamente l'andamento, occorre tener presente che una parte significativa dei ricavi di C&W Group è stagionale e ciò influenza la comparabilità dei dati finanziari e dei risultati gestionali su base trimestrale. Storicamente tale stagionalità ha determinato che ricavi, risultati operativi, risultati netti e flussi finanziari delle attività operative di C&W Group fossero inferiori nei primi due trimestri e superiori nel terzo e quarto trimestre di ogni anno. La concentrazione dei risultati e dei flussi finanziari nel quarto trimestre è dovuta ad un interesse generalizzato del settore a concludere le transazioni in prossimità di fine anno. Ciò ha storicamente determinato profitti inferiori, o perdite, nel primo e nel secondo trimestre e incrementi di profitti, o riduzioni di perdite, in ciascuno dei trimestri successivi.

    Variazioni  
$  milioni I Trim 2012 I Trim 2011 Restated (a) Assolute % I Trim 2011 Pubblicato
Ricavi netti (Commissioni e costi per servizi) (A) 296,7 297,2 (0,5) (0,2) 297,2
Rimborsi di costi sostenuti per conto terzi (B) 106,1 82,7 23,4 28,3 82,7
Ricavi lordi (A+B) 402,8 379,9 22,9 6,0 379,9
           
EBITDA (13,5) 3,7 (17,2) n.s. (15,6)
Utile (perdita) operativa (24,3) (8,7) (15,6) n.s. (28,0)
Utile (perdita) consolidata attribuibile ai Soci della Controllante  (25,2) (13,7) (11,5) 83,9 (26,4)
           
Dati desunti dalla situazione contabile predisposta in base agli U.S. GAAP (*)          
EBITDA (15,8) 4,7 (20,5) n.s. (14,7)
Utile (perdita) consolidata attribuibile ai Soci della Controllante (18,7) (9,6) (9,1) 94,8 (23,2)
a) Dati rideterminati a seguito della modifica dei criteri, a partire dal gennaio 2012, relativi alla contabilizzazione degli oneri per piani di incentivazione a favore dei dipendenti e degli oneri per "commission bonus program" a favore dei Brokers. Prima di queste modifiche, la Società contabilizzava gli oneri per piani di incentivazione pro-rata temporis a quote costanti in ciascun trimestre sulla base degli oneri stimati per l’intero esercizio e determinava gli oneri per “commission bonus program” come percentuale sui ricavi dell’esercizio precedente dell’attività da “Leasing” e da “Capital Markets”. A partire dal 1° gennaio 2012 gli oneri relativi ai piani di incentivazione sono determinati sulla base dell’EBITDA effettivamente conseguito e calcolato prima dei piani di incentivazione, mentre gli oneri per “commission bonus program” sono determinati sulla base dei ricavi e degli incassi effettivi del periodo di riferimento. (*) La differenza tra i dati dell’utile (perdita) attribuibile ai Soci della Controllante nei bilanci redatti in base agli IFRS e agli U.S. GAAP sono principalmente dovute alla diversa contabilizzazione di imposte e di oneri su retribuzioni, dell’adeguamento della passività verso azionisti di minoranza, nonché di alcuni effetti fiscali su differenze di risultato. La differenza tra i dati dell’EBITDA nei bilanci redatti in base agli IFRS e agli U.S. GAAP è principalmente dovuta alle stesse voci, escludendo l’impatto degli effetti fiscali.
$ milioni 31.03.2012 31.12.2011 Variazioni
Patrimonio netto attribuibile ai Soci della Controllante 761,3 779,1 (17,8)
Posizione finanziaria netta consolidata (118,2) 9,0 (127,2)

Nel primo trimestre 2012 C&W Group ha continuato a concentrarsi sulle iniziative finalizzate allo sviluppo delle proprie attività, bilanciando la gamma dei servizi offerti ai clienti e assumendo nuovi professionisti di alto profilo. Al fine di incrementare le voci relative ai ricavi ricorrenti, sono state sviluppate in particolare le iniziative sui “Corporate Occupier & Investors Services” (“CIS”): nel primo trimestre 2012 la società ha così ottenuto importanti incarichi da parte clienti in tutto il mondo – tra cui Kraft, Unilever e Symantec – e ha conseguito un incremento dei propri ricavi in questo specifico segmento.

C&W Group ha registrato ricavi lordi in crescita del 6,0 % pari a $402,8 milioni nel primo trimestre 2012, mentre i ricavi netti pari a $296,7 milioni sono stati pressoché in linea con lo stesso periodo dell’esercizio precedente. A causa del contenuto incremento delle spese operative di $13 milioni, determinato dalle iniziative intraprese a supporto della crescita strategica della società, l'EBITDA è negativo per $13,5 milioni nel primo trimestre del 2012, rispetto all’EBITDA positivo di $3,7 milioni del primo trimestre 2011 (-$17,2 milioni). Il calo dell’EBITDA ha comportato un aumento della perdita attribuibile ai soci della controllante di $11,5 milioni, attestandosi a $ 25,2 milioni per il trimestre chiuso al 31 marzo 2012, rispetto alla perdita di $13,7 milioni del trimestre chiuso al 31 marzo 2011.

I ricavi lordi sono aumentati di $22,9 milioni (6,0%) attestandosi a $402,8 milioni nel primo trimestre 2012 ($379,9 milioni nel primo trimestre 2011), di cui $3,9 milioni dovuti all’effetto delle differenze cambio da conversione.

I ricavi netti sono diminuiti  di $0,5 milioni (0,2%) attestandosi a $296,7 milioni nel primo trimestre 2012 ($297,2 milioni nel primo trimestre 2011), di cui $3,5 milioni dovuti all’effetto delle differenze cambio da conversione.

La performance dei ricavi netti del primo trimestre 2012 rispetto al primo trimestre 2011, riflette la continua crescita delle linee di servizi “Corporate Occupier & Investors Services” (“CIS”) e “Valuation & Advisory” (“V&A”) in tutte le aree geografiche. Tale crescita è stata compensata dal calo dell’attività da “Leasing” e “Capital Market” che riflette un rallentamento dell’attività transazionale derivante da una crescita economica lenta, dalla scarsa creazione di posti di lavoro, e dai problemi economici in corso in Europa.

Di seguito è evidenziata la ripartizione dei ricavi lordi e dei ricavi netti per area geografica.

    Variazioni
$  milioni I trim 2012 I Trim 2011 Assolute %
Americhe 294,6 287,3 7,3 2,5
EMEA 81,4 68,1 13,3 19,5
Asia  26,8 24,5 2,3 9,4
Ricavi lordi 402,8 379,9 22,9 6,0
         
Americhe 216,8 217,1 (0,3) -0,1
EMEA 60,1 61,9 (1,8) -2,9
Asia  19,8 18,2 1,6 8,8
Ricavi netti 296,7 297,2 (0,5) -0,2

Le Americhe, che includono gli Stati Uniti, il Canada e l'America Latina, rappresentano il 73,1% dei ricavi lordi e dei ricavi netti del primo trimestre 2012 contro il 75,6% e il 73,0% dei ricavi lordi e dei ricavi netti del primo trimestre 2011.

L'EMEA ha generato, rispettivamente, il 20,2% e il 20,3% dei ricavi lordi e dei ricavi netti del primo trimestre 2012 contro il 17,9% e il 20,8% dei ricavi lordi e dei ricavi netti del primo trimestre 2011.

L'Asia ha generato, rispettivamente, il 6,7% dei ricavi lordi e dei ricavi netti del primo trimestre 2012 contro il 6,4% e il 6,1% dei ricavi lordi e dei ricavi netti del primo trimestre 2011.

I servizi offerti da “Leasing”, “Corporate Occupier & Investor Services”, “Capital Markets”, “Valuation & Advisory” e “Global Consulting Business” hanno generato rispettivamente il 50,1%, il 25,4%, l’11,2%, il 12,4% e l’1,0% dei ricavi netti del primo trimestre 2012 contro il 52,1%, il 22,1%, il 13,4%, l’11,1% e l’1,2% dei ricavi netti del primo trimestre 2011.

Dal punto di vista delle tipologie di servizi, il calo dei ricavi netti del primo trimestre 2012 deriva principalmente dalla diminuzione dei ricavi da “Capital Markets” (-$6,8 milioni, pari al 17,0%) e da “Leasing” (-$6,4 milioni, pari al 4,1%), principalmente nell’area Americhe e EMEA a causa del rallentamento economico e, in minor misura, da “Global Consulting Business” (-$0,8 milioni, pari al 22,7%) parzialmente compensati dalla crescita continua dei ricavi da “Corporate Occupier & Investor Services”  e da “Valuation & Advisory” che hanno visto un incremento dei ricavi totali di $9,7 milioni (14,8%) e $3,8 milioni (11,5%), rispettivamente. La diminuzione delle transazioni è stata evidenziata dalle diminuzioni negli Stati Uniti dell’attività da Leasing di $8,4 milioni (7,6%), da Capital Markets di $2,1 milioni (9,6%) e nell’area EMEA rispettivamente di $1,4 milioni (6,5%) e di $4,8 milioni (35,8%). L’incremento dei ricavi da “Corporate Occupier & Investor Services” è stato principalmente generato dagli incrementi nei segmenti di business “Facilities Management” e “Property Management” in tutte le aree geografiche. I ricavi da “Corporate Occupier & Investor Services” includono inoltre i ricavi della Società Corporate Occupier Solution Limited, di cui è stato acquisito il rimanente 50% del capitale il 30 Aprile 2011.

Le commissioni passive, pari a $95,6 milioni nel primo trimestre 2012, sono diminuite di $4,5 milioni (4,5%) rispetto al dato di $100,1 milioni del primo trimestre 2011. L'incidenza delle commissioni passive sui ricavi netti negli Stati Uniti nel primo trimestre 2012 si è attestata al 47,4% in diminuzione rispetto al 49,1% del primo trimestre 2011.

I costi per servizi resi ai clienti, pari a $22,9 milioni nel  primo trimestre 2012, sono aumentati di $6,6 milioni (40,5%) rispetto al dato del primo trimestre 2011 pari a $16,3 milioni. La variazione è principalmente attribuibile agli incrementi in EMEA (+$3,0 milioni), America Latina (+$2,7 milioni), e Asia (+$1,0 milione) dovuti sostanzialmente all’acquisizione del rimanente 50% del capitale della società Corporate Occupier Solution Limited effettuato nel mese di aprile per quanto riguarda l’area EMEA e ai più alti ricavi da “Corporate Occupier & Investor Services” più nello specifico nell’attività di Project Management per quanto riguarda l’area America Latina e Asia.

Nel primo trimestre 2012 le spese operative sono aumentate di $13 milioni (6,9%) attestandosi a $202,5 milioni, contro $189,5 milioni del primo trimestre 2011. Escludendo l’effetto delle differenze cambio da conversione ($2,9 milioni), l’incremento ammonta a $10,1 milioni (5,0%).
L’incremento è attribuibile principalmente all’aumento dei costi del personale causato dall’aumento dell’organico e dei salari e ad altri costi connessi alle operazioni a supporto delle iniziative legate al piano di crescita strategica del Gruppo.

Il risultato operativo del primo trimestre 2012 è negativo per $24,3 milioni, con una variazione di $15,6 milioni rispetto alla perdita operativa di $8,7 milioni del primo trimestre 2011.

L’utile consolidato, attribuibile ai Soci della Controllante, determinato sulla base degli IFRS, del primo trimestre 2012 risulta negativo per $25,2 milioni, con una variazione di $11,5 milioni, rispetto al risultato negativo del primo trimestre 2011 pari a $13,7 milioni.
L’utile consolidato, attribuibile ai Soci della Controllante, determinato sulla base dei principi contabili generalmente accettati negli Stati Uniti (“U.S. GAAP”), risulta negativo per $18,7 milioni, con una variazione di $9,1 milioni rispetto al risultato negativo del primo trimestre 2011 pari a $9,6 milioni.

Escludendo l’impatto del pagamento degli incentivi avvenuto nel primo trimestre 2012 (nel 2011 era avvenuto nel secondo trimestre) la posizione finanziaria netta del Gruppo risulterebbe sostanzialmente invariata.
Includendo tale impatto, la posizione finanziaria netta diminuisce di $57,4 milioni, risultando  negativa per  -$118,2 milioni al 31 marzo 2012 (-$60,8 milioni al 31 marzo 2011).

C&W Group resta focalizzato sul raggiungimento dei suoi obiettivi; per quanto concerne le aspettative per il 2012 si prevede un’ulteriore crescita dei ricavi e dell’EBITDA rispetto al 2011. Rimane la prudenza circa l’andamento dell'economia globale, inclusa la crescita lenta dell’occupazione e le difficoltà in corso in Europa che ha inciso sulle performance del Gruppo nel quarto trimestre 2011 e nel primo trimestre 2012. C&W continua a ritenere che il panorama economico 2012 dovrebbe rafforzarsi nella seconda metà dell’anno man mano che i fondamentali dell’economia e il mercato immobiliare miglioreranno e si è impegnata a continuare i suoi investimenti nell’attività.

 

Commercial Register No.64236277 Legal notes | Credits