Cushman & Wakefield

Cushman & Wakefield

(69,27% del capitale sociale tramite EXOR S.A.)

 

I dati di seguito esposti e commentati sono desunti dalla situazione contabile consolidata al 30 settembre 2012 di C&W Group predisposta in base agli IFRS, se non diversamente indicato.

Si ricorda che una parte significativa dei ricavi di C&W Group è caratterizzata da una forte stagionalità il che determina difficoltà nel confrontare i dati finanziari e i risultati gestionali su base trimestrale. Storicamente tale stagionalità ha comportato ricavi, risultati operativi, risultati netti e flussi finanziari delle attività operative di C&W Group inferiori nei primi due trimestri e superiori nel terzo e quarto trimestre di ogni anno. La concentrazione dei risultati e dei flussi finanziari nel quarto trimestre è dovuta ad un interesse generalizzato degli operatori a concludere le transazioni sul fine anno.

  Progressivi al 30 settembre Variazioni Progressivi al 30 settembre
$  milioni 2012 2011 Restated (a) Assolute % 2011 Pubblicato
Ricavi netti (Commissioni e costi per servizi) (A) 1.056,3 1.105,6 (49,3) (4,5) 1.105,6
Rimborsi di costi sostenuti per conto terzi (B) 336,1 297,5 38,6 13,0 297,5
Ricavi lordi (A+B) 1.392,4 1.403,1 (10,7) (0,8) 1.403,1
EBITDA 38,9 60,8 (21,9) (36,0) 41,8
Utile (perdita) operativa 6,3 30,9 (24,6) (79,6) 11,9
Utile (perdita) consolidata attribuibile ai Soci della Controllante  (17,2) (5,1) (12,1) n.s. (19,4)
Dati desunti dalla situazione contabile predisposta in base agli U.S.GAAP (b)          
EBITDA 40,8 62,4 (21,6) (34,6) 43,4
Utile (perdita) consolidata attribuibile ai Soci della Controllante  (18,9) (4,6) (14,3) n.s. (13,5)
(a) Dati rideterminati a seguito della modifica dei criteri, a partire dal gennaio 2012, relativi alla contabilizzazione, sulla base degli IFRS e degli U.S. GAAP, degli oneri per piani di incentivazione a favore dei dipendenti e degli oneri per "commission bonus program" a favore dei Brokers. Prima di queste modifiche, la Società contabilizzava gli oneri per piani di incentivazione pro-rata temporis a quote costanti in ciascun trimestre sulla base degli oneri stimati per l’intero esercizio e determinava gli oneri per “commission bonus program” come percentuale sui ricavi dell’esercizio precedente dell’attività da “Leasing” e da “Capital Markets”. A partire dal 1° gennaio 2012 gli oneri relativi ai piani di incentivazione sono determinati sulla base dell’EBITDA effettivamente conseguito e calcolato prima dei piani di incentivazione, mentre gli oneri per “commission bonus program” sono determinati sulla base dei ricavi e degli incassi effettivi del periodo di riferimento. Inoltre, le imposte determinate sulla base degli U.S. GAAP e di conseguenza l’utile (perdita) attribuibile ai soci della controllante per i tre e i nove mesi chiusi al 30 settembre 2011, sono stati rideterminati, rispetto a quanto precedentemente pubblicato per questi periodi, per riflettere, nei periodi intermedi, la variazione nel metodo di applicazione del tasso di imposta effettivo stimato per l’intero esercizio su alcune perdite fiscali estere. La variazione dei criteri contabili e del metodo di applicazione delle imposte non hanno avuto impatto sui risultati IFRS e U.S. GAAP precedentemente determinati per l’intero esercizio 2011. (b) La differenza tra i dati dell’utile (perdita) attribuibile ai Soci della Controllante nei bilanci redatti in base agli IFRS e agli U.S. GAAP sono principalmente dovute alla diversa contabilizzazione di imposte e oneri su retribuzioni, dell’adeguamento della passività verso azionisti di minoranza, nonché di alcuni effetti fiscali su differenze di risultato. La differenza tra i dati dell’EBITDA nei bilanci redatti in base agli IFRS e agli U.S. GAAP è principalmente dovuta alle stesse voci, escludendo l’impatto degli effetti fiscali.
$ milioni 30.09.2012 31.12.2011 Variazioni
Patrimonio netto attribuibile ai Soci della Controllante 764,4 779,1 (14,7)
Posizione finanziaria netta consolidata (123,3) 9,0 (132,3)

Nei primi nove mesi del 2012 C&W Group ha proseguito nell’attuazione del suo piano strategico a lungo termine, concentrandosi in particolare sulla capacità di offrire una gamma di servizi completa e equilibrata ai suoi clienti che operano sui mercati di tutto il mondo. Nell’ambito dei suoi progetti strategici, C&W Group mira in particolare a sviluppare i propri ricavi ricorrenti, come si evince dalla crescita del 19% nei ricavi da “Corporate Occupier & Investors Services” (“CIS”) negli Stati Uniti e dall’ottenimento di importanti incarichi, per un totale ad oggi di 317 milioni di square feet, da parte di clienti in tutto il mondo, tra cui Kraft, Unilever, Symantec, Underwriters Labs e Heinz.
Inoltre, sempre nell’ambito delle attività CIS, la recente acquisizione dei servizi di Cousins Properties permetterà di migliorare ulteriormente l’offerta ai clienti in due aree in crescita considerate di interesse strategico.

Oltre a questi incarichi C&W Group ha:

  • permesso il perfezionamento di due contratti di locazione particolarmente significativi, il primo a San Francisco rappresentando Salesforce.com nella locazione di 401.786 square feet nel quartiere finanziario della città (il più grande contratto di locazione di uffici a lungo termine firmato nell'area in più di un decennio) e il secondo rappresentando Hudson Pacific Properties Inc. nella locazione di 250.000 square feet a Square Inc.;
  • assistito Burberry, noto marchio inglese, per il pre-contratto di 127.000 square feet, una delle più significative transazioni del 2012 nel centro di Londra;
  • organizzato, per conto della Bank of America, la vendita di 100 Federal Street Tower a Boston per $610 milioni, una delle più grandi operazioni di vendita immobiliare negli Stati Uniti;
  • completato la vendita del Monetary Court in Jardine Lookout e la vendita del Kowloon Commercial Centre a Kowloon, due delle più grandi transazioni effettuate a Hong Kong nel 2012;
  • acquisito in Francia per la società PURetail fund una proprietà commerciale;
  • si è classificata terza nel National Real Estate Investor's Top Brokerages;
  • ha vinto il Real Estate Board di New York Most Ingenious Deal of the Year Award per l’organizzazione della locazione del “One World Trade Center” (1 milione di square feet) alla Conde Nast per conto dell'Autorità Portuale di New York e del New Jersey;
  • assistito un cliente nella stipula di un  mutuo “Senior” di $230 milioni per l’acquisto di 100 Church Street, un edificio adibito a uffici sito in Manhattan di 1,05 milioni di square-foot;
  • rappresentato i rivenditori di prodotti di lusso a marchio Burberry e Tom Ford nell’apertura dei flagship stores rispettivamente a Hong Kong e nel Regno Unito;
  • rafforzato l’impegno verso iDesk istituendo l’Asia iDesk a New York per incrementare le operazioni transnazionali e per aumentare la capacità di assistere i clienti in tutti i mercati in modo più efficiente ed efficace a livello globale;
  • assistito The Crown Estate per l’acquisto di una proprietà in Londra attualmente anche sede del BAFTA (£87 milioni); infine, ha aperto nuovi uffici a Brisbane in Australia, Ahmedabad in India, Ulaanbaatar in Mongolia ed ha aggiunto un ufficio a Shanghai; nell’ambito di un’alleanza con altre aziende ha aperto quattro uffici negli Stati Uniti ed uno in Canada.

Per quanto riguarda i risultati finanziari per i primi nove mesi del 2012, C&W Group ha registrato ricavi lordi in calo dello 0,8% (+1,8% se si esclude l’effetto cambio), mentre i ricavi netti sono diminuiti di $49,3 milioni, pari al 4,5% (o di $18,2 milioni, pari all’1,7% se si esclude l’effetto cambio). La diminuzione dei ricavi, parzialmente compensata dal decremento netto delle spese operative di $18,8 milioni (2,9%), ha comportato una diminuzione dell’EBITDA ($38,9 milioni) di $21,9 milioni e un incremento della perdita attribuibile ai soci della controllante ($17,2 milioni) di $12,1 milioni comparato con la perdita di $5,1 milioni dello stesso periodo dell’esercizio precedente.

I ricavi lordi sono diminuiti di $10,7 milioni (0,8%) attestandosi a $1.392,4 milioni nei primi nove mesi del 2012 ($1.403,1 milioni nei primi nove mesi del 2011), l’effetto cambio negativo è stato pari a $34,8 milioni (2,5%).

I ricavi netti sono diminuiti di $49,3 milioni (4,5%) attestandosi a $1.056,3 milioni nei primi nove mesi del 2012 ($1.105,6 milioni nei primi nove mesi del 2011), l’effetto cambio negativo è stato pari a $31,1 milioni (2,8%).

La diminuzione dei ricavi registrata ad oggi nel corso del 2012 rispetto all’anno precedente, dipende principalmente dall’impatto negativo dell’effetto cambio, dalla diminuzione dell’attività nei servizi Leasing e Capital Markets nelle “Americhe” (USA soprattutto) e nell’area “EMEA” oltre che dalla contrazione dei servizi Capital Markets nell’area “Asia Pacific”. Tali diminuzioni sono parzialmente compensate dall’incremento dei ricavi da Corporate Occupier & Investor Services (“CIS”) e da Valuation & Advisory principalmente nell’area “Americhe” e “Asia Pacific”. Le diminuzioni dei ricavi da attività Leasing e Capital Markets sono dovute in parte ai ritardi nelle transazioni ($24 milioni di ricavi relativi a transazioni che originariamente si era previsto di chiudere entro il mese di settembre 2012 e che ora si prevede di chiudere nel quarto trimestre 2012) ed in parte alla diminuzione delle transazioni dovuta dalla persistente incertezza del quadro economico globale.
Nonostante le difficoltà macroeconomiche i ricavi al 30 settembre 2012 della Società rappresentano circa il 95% dei ricavi previsti per l’intero anno, che comprende il 96% dei ricavi previsti per l’attività Leasing e il 102% dei ricavi previsti per l’attività Capital Markets.

Di seguito è evidenziata la ripartizione dei ricavi lordi e dei ricavi netti per area geografica.

  Progressivi al 30 settembre Variazioni
$ in milioni 2012 2011 Assolute %
Americhe 1.015,5 72,9% 1.020,8 72,8% (5,3) (0,5)
EMEA 284,5 20,4% 287,9 20,5% (3,4) (1,2)
Asia 92,4 6,7% 94,4 6,7% (2,0) (2,1)
Ricavi lordi 1.392,4 100,0% 1.403,1 100,0% (10,7) (0,8)
Americhe 762,4 72,2% 786,1 71,1% (23,7) (3,0)
EMEA 222,3 21,0% 243,8 22,1% (21,5) (8,8)
Asia 71,6 6,8% 75,7 6,8% (4,1) (5,4)
Ricavi netti 1.056,3 100,0% 1.105,6 100,0% (49,3) (4,5)

I servizi offerti da “Leasing”, “Corporate Occupier & Investor Services”, “Capital Markets”, “Valuation & Advisory” e “Global Business Consulting” hanno generato rispettivamente il 51,9%, il 22,9%, il 12,7%, l’11,6% e lo 0,9% dei ricavi netti dei primi nove mesi del 2012 contro il 53,2%, il 20,6%, il 14,1%, il 10,7% e l’1,4% dei ricavi netti dei primi nove mesi del 2011.

Dal punto di vista delle tipologie di servizi, il calo dei ricavi netti dei primi nove mesi del 2012 deriva principalmente dalla diminuzione dei ricavi da “Leasing” (-$39,9 milioni, pari al 6,8%) e da “Capital Markets” (-$22,0 milioni, pari al 14,1%), principalmente nell’area Americhe ed EMEA in aggiunta all’area Asia  per l’attività da Capital Markets. I nove mesi chiusi al 30 settembre 2012 hanno anche visto il calo dei ricavi da “Global Business Consulting” (-$4,7 milioni, pari al 30,5%) principalmente nelle Americhe (-$5,8 milioni, pari al 72,7%). La diminuzione delle transazioni è testimoniata dalla contrazione negli Stati Uniti dell’attività da Leasing di $41,8 milioni (10,4%), da Capital Markets di $5,9 milioni (6,7%) e nell’area EMEA rispettivamente di $11,9 milioni (13,0%) e di $6,4 milioni (13,8%) e nell’area Asia dell’attività di Capital Markets di $10,3 milioni (53,4%). Tale decremento è stato parzialmente compensato dalla crescita sostenuta dell’attività Corporate Occupier & Investor Services (CIS) principalmente nei segmenti di business “Facilities Management” e “Property Management” e dell’attività di Valuation & Advisory, che ha generato aumenti dei ricavi globali di $ 13,6 milioni (6,0%) e di $ 4,0 milioni (3,4%), rispettivamente. I ricavi da “Corporate Occupier & Investor Services” includono inoltre i ricavi della Società Corporate Occupier Solution Limited, di cui è stato acquisito il rimanente 50% del capitale il 30 Aprile 2011.

Le commissioni passive, pari a $356,6 milioni nei primi nove mesi del 2012, sono diminuite di $13,7 milioni (3,7%) rispetto al dato di $370,3 milioni dei primi nove mesi del 2011, principalmente a causa dei minori ricavi da “Leasing”, “Capital Markets” e “Global Business Consulting”. L'incidenza delle commissioni passive sui ricavi netti negli Stati Uniti nei primi nove mesi del 2012 si è attestata al 49,4% in diminuzione rispetto al 49,5% dei primi nove mesi del 2011. L’effetto cambio negativo è stato pari a $1,5 milioni (0,4%).

I costi per servizi resi ai clienti, pari a $72,5 milioni nei primi nove mesi del 2012, sono aumentati di $7,8 milioni (12,1%) rispetto al dato dei primi nove mesi del 2011 pari a $64,7 milioni. L’effetto cambio ha ridotto l’incremento totale dei costi per servizi resi ai clienti di $7,7 milioni (11,9%). La variazione in aumento è principalmente attribuibile agli incrementi in America Latina (+$4,1 milioni), EMEA (+$3,1 milioni), Stati Uniti (+$0,6 milioni) e Canada (+$0,3 milioni), parzialmente compensati dal decremento in Asia (-$0,3 milioni) dovuti sostanzialmente all’acquisizione del rimanente 50% del capitale della società Corporate Occupier Solution Limited effettuato nel mese di aprile 2011 per quanto riguarda l’area EMEA e ai più alti ricavi da “Corporate Occupier & Investor Services”.

Nei primi nove mesi del 2012 le spese operative sono diminuite di $18,8 milioni (2,9%) attestandosi a $620,9 milioni, contro $639,7 milioni dei primi nove mesi del 2011. L’effetto cambio ha diminuito le spese operative di $18,5 milioni (2,9%).

Il risultato operativo dei primi nove mesi del 2012 è positivo per $6,3 milioni, con una diminuzione  di $24,6 milioni rispetto all’utile operativo di $30,9 milioni dei primi nove mesi del 2011.

Le altre spese nette (che non sono incluse nel risultato operativo) sono diminuite di $3,2 milioni (40,5%) attestandosi a $4,7 milioni nei primi nove mesi del 2012, contro $7,9 milioni dei primi nove mesi del 2011 che includeva oneri non ricorrenti per $3,6 milioni. Il decremento è principalmente dovuto per $0,9 milioni ai dividendi incassati da NorthMarq Real Estate Services LLC, una joint-venture costituita dal Gruppo nel mese di settembre 2011, a minori spese di gestione per $0,6 milioni, a minori perdite di società controllate non consolidate per $0,3 milioni, parzialmente compensate dalla variazione negativa dell’adeguamento della passività verso Azionisti di Minoranza per $2,2 milioni.

Gli interessi passivi ammontano a $6,3 milioni nei primi nove mesi del 2012, in diminuzione di $7,4 milioni (54,0%) rispetto al dato dei primi nove mesi del 2011, pari a $13,7 milioni che includeva interessi passivi non ricorrenti per $4,8 milioni. La diminuzione è principalmente attribuibile al minor costo dell’indebitamento che ha beneficiato delle migliori condizioni ottenute con la nuova linea di credito perfezionata nel secondo trimestre 2011.

 La diminuzione del risultato operativo, parzialmente compensata dal miglioramento delle altre spese nette e degli interessi passivi ha comportato una diminuzione del risultato prima delle imposte sul reddito di C&W Group di $14,0 milioni, generando una perdita prima delle imposte di $4,7 milioni nei primi nove mesi del 2012 contro un utile prima delle imposte di $9,3 milioni nei primi nove mesi del 2011.
Le imposte sul reddito sono diminuite di $1,7 milioni (11,9%) attestandosi a $12,6 milioni nei primi nove mesi del 2012 contro $14,3 milioni dei primi nove mesi del 2011, principalmente a causa di un diverso mix degli utili (perdite) generati negli Stati Uniti e negli altri Paesi e dalla diminuzione di alcuni oneri fiscali per $4,2 milioni.

Il risultato consolidato, attribuibile ai Soci della Controllante, determinato sulla base degli IFRS, nei primi nove mesi del 2012 risulta negativo per $17,2 milioni, con una variazione di $12,1 milioni, rispetto al risultato negativo dei primi nove mesi del 2011 pari a $5,1 milioni. Il risultato consolidato, attribuibile ai Soci della Controllante, determinato sulla base dei principi contabili generalmente accettati negli Stati Uniti (“U.S. GAAP”), nei primi nove mesi del 2012 risulta negativo per $18,9 milioni, con una variazione di $14,3 milioni, rispetto al risultato negativo dei primi nove mesi del 2011 pari a $4,6 milioni.

La posizione finanziaria netta diminuisce di $42,8 milioni, passando da un saldo negativo al 30 settembre 2011 di $80,5 milioni ad un saldo negativo di $123,3 milioni al 30 settembre 2012.

C&W Group resta concentrato sul raggiungimento dei suoi obiettivi; per quanto concerne le aspettative per il quarto trimestre 2012 si prevede una forte performance operativa che consentirà alla Società, per il 2012, di confermare o superare i ricavi e l’EBITDA del 2011 nonostante la dovuta prudenza circa l’andamento dell’economia e la crescita globale che hanno comportato una diminuzione dell’attività degli operatori. C&W Group continua a ritenere che il panorama economico dovrebbe rafforzarsi nel 2013 man mano che i fondamentali dell’economia e il mercato immobiliare miglioreranno e si è impegnata a continuare i suoi investimenti e le sue iniziative di crescita strategica per espandere la propria attività e fornire servizi di qualità a tutti i suoi clienti.

Nel terzo trimestre 2012, i ricavi lordi sono diminuiti del 6,3%, o del 3,6% se si esclude l’effetto cambio, rispetto al terzo trimestre 2011, attestandosi a $485,9 milioni ($518,8 milioni nel medesimo periodo del precedente anno). I ricavi netti del periodo sono diminuiti di $24 milioni (6,0%) o di $11,0 milioni (2,8%) se si esclude l’effetto cambio, attestandosi a $378,1 milioni ($402,1 milioni nel terzo trimestre del 2011). Come sottolineato in precedenza la diminuzione riflette l’impatto negativo delle differenze cambio e il calo delle transazioni dovuto in parte ai ritardi nelle transazioni che si prevede ora  di chiudere nel quarto trimestre e alla continua incertezza che impatta le condizioni economiche globali.
Nel terzo trimestre 2012 le spese operative sono diminuite di $10,8 milioni (4,8%) attestandosi a $212,4 milioni ($223,2 milioni nel terzo trimestre 2011).
Il risultato operativo, nel terzo trimestre del 2012, C&W Group è diminuito di $10,3 milioni attestandosi a $9,1 milioni nel terzo trimestre 2012 ($19,4 milioni nel terzo trimestre 2011), in gran parte derivante dalla diminuzione dei ricavi netti parzialmente compensata da minori costi operativi. L’EBITDA del terzo trimestre 2012 ammonta a $22,3 milioni ($29,6 milioni nel terzo trimestre 2011) evidenziando una diminuzione di $7,3 milioni inferiore alla diminuzione del risultato operativo grazie alla riduzione dei costi non operativi.
Gli interessi passivi aumentano di $1,0 milione principalmente per il maggior indebitamento medio mentre le imposte diminuiscono di $4,0 milioni. Come risultato di questi fattori, l’utile attribuibile ai Soci della Controllante, determinato sulla base degli IFRS, diminuisce di $5,2 milioni, pari a $1,2 milioni nel terzo trimestre 2012 ($6,4 milioni nel terzo trimestre 2011). Il dato analogo determinato sulla base dei principi contabili generalmente accettati negli Stati Uniti (“U.S. GAAP”), risulta invece negativo per $1,8 milioni nel terzo trimestre 2012, in diminuzione di $6,9 milioni rispetto al risultato positivo di $5,1 milioni fatto registrare nel terzo trimestre 2011.

 

Commercial Register No.64236277 Legal notes | Credits