Cushman & Wakefield

Cushman & Wakefield

(69,16% del capitale sociale tramite EXOR S.A.)

 

I dati di seguito esposti e commentati sono desunti dalla situazione contabile consolidata al 31 marzo 2013 di C&W Group predisposta in base agli IFRS se non diversamente indicato.

Per interpretarne correttamente l'andamento, occorre tener presente che una parte significativa dei ricavi di C&W Group è stagionale e ciò influenza la comparabilità dei dati finanziari e dei risultati gestionali su base trimestrale. Storicamente tale stagionalità ha determinato che ricavi, risultati operativi, risultati netti e flussi finanziari delle attività operative di C&W Group fossero inferiori nei primi due trimestri e superiori nel terzo e quarto trimestre di ogni anno. La concentrazione dei risultati e dei flussi finanziari nel quarto trimestre è dovuta ad un interesse generalizzato del settore a concludere le transazioni in prossimità di fine anno. Ciò ha storicamente determinato profitti inferiori, o perdite, nel primo e nel secondo trimestre e incrementi di profitti, o riduzioni di perdite, in ciascuno dei trimestri successivi.

    Variazioni
$  milioni I Trim 2013 I Trim 2012 Assolute %
Ricavi netti (Commissioni e costi per servizi)(A) 311,1
296,7
14,4 4,9
Rimborsi di costi sostenuti per conto terzi (B) 140,2
106,1
34,1
32,1
Ricavi lordi (A+B) 451,3
402,8 48,5
12,0
EBITDA (11,5) (13,5)
2,0
(14,8)
Utile (perdita) operativa (24,1) (24,3) 0,2
(0,8)
Utile (perdita) consolidata attribuibile ai Soci della Controllante  (22,4) (25,2) 2,8
(11,1)
$ milioni 31.03.2013 31.12.2012 Restated (a)
Variazioni31.12.2012 Pubblicato
Patrimonio netto attribuibile ai Soci della Controllante 783,9 804,6
(20,7)825,6
Posizione finanziaria netta consolidata (133,8) (87,4)
(46,4)(87,4)
a) A seguito dell’adozione, a partire dal 1° gennaio 2013, in modo retrospettivo dell’emendamento allo IAS 19 – Benefici ai dipendenti, i dati della situazione patrimoniale e finanziaria al 31 dicembre 2012 sono stati rideterminati coerentemente.

Il numero di operazioni concluse nel settore del Capital Markets ha continuato a crescere rispetto all’anno precedente, in linea con le positive tendenze dei mercati internazionali, dove in tutte le aree geografiche sono  significativamente aumentati i mandati per finanziare e vendere immobili per investimento, in particolare nelle Americhe, in Europa-MedioOriente-Africa (EMEA) e nell’Asia del Pacifico. L’attività di “Corporate Occupier & Investor Services” (“CIS”) ha registrato un primo trimestre molto positivo, facendo registrare in tutte le regioni un aumento dei ricavi rispetto al corrispondente dato del precedente anno. L’attività di CIS ha inoltre conseguito significativi successi, tra cui l’ottenimento di diversi incarichi da parte di marchi famosi come Coca Cola, Honeywell, Blackstone e Royal Bank of Scotland. Per quanto riguarda l’attività di “Valuation & Advisory” (“V&A”), la performance positiva del 2012 si è protratta per tutto il primo trimestre 2013, registrando una crescita dell’8% rispetto all’anno precedente. L’aumento dei ricavi deriva principalmente dalla specializzazione su determinati settori, quali “Hospitality & Gaming” e “Retail and Senior Housing” negli Stati Uniti, oltre che da un maggior numero di transazioni nell’area EMEA e dallo sviluppo economico di alcuni paesi dell’area asiatica del Pacifico, come Hong Kong.

I seguenti sono alcuni degli incarichi che C&W Group ha ottenuto nel corso del primo trimestre 2013:

  • incarico da Coca Cola per fornire servizi di “facility management” per un totale di 1,2 milioni square feet in Cina;
  • incarico da DLF, il più grande sviluppatore in India, per la gestione del portafoglio immobili per un totale di 13 milioni di square feet;
  • esecuzione di un’acquisizione per Advance Resi a Tokyo ($95 milioni), la vendita di Project MX a Hong Kong ($340 milioni) e la vendita di Bekasi Square a Jakarta ($35 milioni);
  • ottenuto un incarico, per la valutazione del portafoglio immobiliare di India REIT il più grande fondo domestico indiano, così come mandati da David Jones - un noto marchio retail australiano - Alpha Investment Trust e da GE in Giappone;
  • organizzazione della vendita del “Rosengardcentre” in Danimarca, per € 400 milioni, secondo centro commerciale più grande della Danimarca, sito a Odense in Fionia;
  • diversi mandati tra cui: da Capital One - 12,5 milioni di square feet  (per servizi diversi - portafoglio globale), da Honeywell (APAC) di 6,4 milioni di square feet in tutta l'Asia come fornitore esclusivo per la gestione contabile, per la pianificazione del portafoglio immobiliare, per la gestione delle transazioni e per i servizi di intermediazione, e da IndCor - un mandato di gestione immobiliare per il suo portafoglio industriale negli Stati Uniti;
  • ampliamento del contratto con Everything Everywhere, un cliente strategico nel Regno Unito;
  • nuovi incarichi  per più di un milione di square feet: sostituirà CBRE come agente congiunto per la locazione del Principal Place, EC2, immobile,di 16 piani, in corso di sviluppo di 600.000 square feet sito a Londra per Brookfield e sarà agente per la locazione del nuovo immobile in corso di sviluppo di 400.000 square feet The Scalpel, per la WR Berkley;
  • importanti mandati di leasing prestigiosi, tra cui diversi grandi centri commerciali - ad esempio, la nuova TAU Gallery in Russia di 184.000 square feet.

Per quanto riguarda i risultati del primo trimestre, C&W ha registrato un aumento dei ricavi lordi di $48,5 milioni, pari al 12,0% (+ 13,2% se si esclude l’effetto cambio), attestandosi a $451,3 milioni, rispetto al dato corrispondente del precedente anno ($402,8 milioni).  Nello stesso periodo i ricavi netti sono aumentati di $14,4 milioni, pari al 4,9% (+6,3% se si esclude l’effetto cambio), attestandosi a $311,1 milioni, rispetto al corrispondente dato del 2012 ($296,7 milioni). L’aumento dei ricavi netti riflette la crescita a doppia cifra rispetto all’anno precedente, che continua a caratterizzare le attività di CIS, Capital Markets e Business Consulting e la crescita del 8,2% nell’attività di “V&A”, parzialmente compensata da un lieve decremento del 3,2% nei ricavi del Leasing. I ricavi delle attività di CIS sono aumentati in tutte le aree geografiche, mentre la crescita nei Capital Markets e nel settore V&A derivano soprattutto, rispettivamente, dall’area EMEA e dalle Americhe.

Di seguito è evidenziata la ripartizione dei ricavi lordi e dei ricavi netti per area geografica.

    Variazioni
$  milioni I trim 2013 I Trim 2012 Assolute %
Americhe 336,2
74,5% 294,6
73,1% 41,6
14,1
EMEA 80,5
17,8% 81,420,2% (0,9)
(1,1)
Asia  34,6
7,7% 26,8
6,7% 7,8
29,1
Ricavi lordi 451,3
100,0% 402,8
100,0% 48,5
12,0
Americhe 222,2
71,4% 216,8
73,0% 5,4
2,5
EMEA 63,0
20,3% 60,1
20,3% 2,9
4,8
Asia  25,9
8,3% 19,8
6,7% 6,1
30,8
Ricavi netti 311,1
100,0% 296,7100,0% 14,4 4,9

I servizi offerti mediante “Leasing”, “Corporate Occupier & Investor Services”, “Capital Markets”, “Valuation & Advisory” e “Global Business Consulting” hanno generato rispettivamente il 46,2%, il 28,0%, il 12,0%, il 12,8% e l’1,0% dei ricavi netti del primo trimestre 2013 contro il 50,1%, il 25,4%, l’11,2%, il 12,4% e l’1,0% dei ricavi netti del primo trimestre 2012.

La crescita dei ricavi netti è attribuibile all’incremento in tutte le aree geografiche, ad eccezione degli Stati Uniti, dove i ricavi sono rimasti relativamente invariati, nell’area Asia Pacific aumentano di $6,1 milioni pari al 30,8%, nell’America Latina di $4,4 milioni pari al 16,8%, nell’EMEA di $2,9 milioni pari al 4,8% e nel Canada di $2,2 milioni pari all’11,2%.

Dal punto di vista delle tipologie di servizi, la crescita dei ricavi netti rispetto al primo trimestre 2012 è stata trainata dall’incremento dell’attività “Corporate Occupier & Investors Services”, Capital Markets e Valuation & Advisory, rispettivamente per $11,6 milioni (+15,4%), $4,0 milioni (+12,1%) e $3,0 milioni (+8,2%).

I ricavi da “Corporate Occupier & Investors Services” aumentano negli Stati Uniti di $7,5 milioni (+29,9%), in America Latina di $1,8 milioni (+8,6%), in Asia Pacific di $1,1 milioni (+16,2%), in Canada di $0,8 milioni e nell’area EMEA di $0,4 milioni (1,8%), principalmente per effetto degli incarichi ottenuti da nuovi importanti clienti nell’ultima parte del 2012 nell’area Americhe.

I ricavi da “Capital Markets” aumentano negli Stati Uniti di $2,0 milioni (+10,6%), nell’area EMEA di $2,3 milioni (+26,2%) e nel Canada di $0,4 milioni (+66,7%), mentre diminuiscono in America Latina di $0,4 milioni (-100%) e in Asia di $0,3 milioni (-7,9%).

I ricavi da Valuation & Advisory aumentano negli Stati Uniti di $1,5 milioni (+6,5%), in Canada di $0,7 milioni (+26,9%), in America Latina di $0,8 milioni (+100%) e in Asia Pacific di $0,1 milioni (+3,2%), mentre hanno registrato un calo nell’area EMEA di $0,1 milioni (-1,1%).

I ricavi da Business Consulting aumentano di $0,6 milioni (+18,5%), per effetto della crescita nell’EMEA di $1,1 milioni (100%) e parzialmente compensati dal calo registrato negli Stati Uniti per $0,4 milioni (-50,0%) e in Asia per $0,1 milioni (-11,1%).

I ricavi da Leasing diminuiscono di $4,8 milioni (-3,2%) principalmente per effetto della riduzione negli Stati Uniti per $11,9 milioni (-11,6%) e nell’area EMEA per $0,8 milioni (-4,0%) parzialmente compensati dall’incremento in Asia Pacific per $5,2 milioni (+77,6%), in America Latina per $2,3 milioni (+57,5%) e in Canada per $0,4 milioni (+2,5%).

Le commissioni passive, pari a $93,7 milioni nel primo trimestre 2013, sono diminuite di $1,9 milioni (2,0%) rispetto al dato di $95,6 milioni del primo trimestre 2012. La diminuzione è dovuta ai minori ricavi dall’attività Leasing, parzialmente compensata dagli incrementi nei ricavi dalle attività Corporate Occupier & Investors Services, Valuation & Advisory e Capital Markets. Tale decremento è principalmente attribuibile alla diminuzione  negli Stati Uniti di $4,2 milioni, pari al 5,2%, dovuto a minori ricavi da Leasing per $11,9 milioni, che ha ridotto l’incidenza totale delle commissioni attive sui ricavi negli Stati Uniti. Le differenze cambio hanno diminuito le commissioni passive di $0,1 milioni o 0,1 punti percentuali.

Le attività negli Stati Uniti rappresentavano il 54,5% e il 57,6% del totale dei ricavi netti per i trimestri chiusi rispettivamente al 31 marzo 2013 e 2012. Le attività in EMEA, che ha l’incidenza delle commissioni passive sui ricavi più bassa, rappresentavano il 20,3% del totale globale dei ricavi netti per i trimestri chiusi al 31 marzo 2013 e 2012. L’incidenza totale delle commissioni passive sui ricavi è stata pari al 30,1% nel primo trimestre 2013 con una diminuzione di 2,1 punti percentuali rispetto all’incidenza pari al 32,2% registrata nel primo trimestre 2012; tale diminuzione deriva principalmente dai minori ricavi da Leasing

I costi per servizi resi ai clienti, pari a $27,0 milioni nel primo trimestre 2013, in aumento di $4,1 milioni (17,9%) rispetto al dato del primo trimestre 2012 pari a $22,9 milioni. La variazione è principalmente dovuta agli incrementi registrati in tutte le regioni, ad eccezione del Canada, principalmente per i maggiori ricavi dell’attività Corporate Occupier & Investors Services e i costi direttamente collegati relativi ai servizi forniti ai Clienti.

Nel primo trimestre 2013 le spese operative sono aumentate di $12 milioni (5,9%) attestandosi a $214,5 milioni, contro $202,5 milioni del primo trimestre 2012. L’effetto cambio ha permesso una riduzione delle stesse di $1,6 milioni (0,8 punti percentuali). L’incremento è dovuto principalmente all’aumento dei costi del personale determinato dall’aumento dell’organico e dei salari (principalmente negli Stati Uniti e in Asia) e degli altri oneri, parzialmente compensati da minori spese professionali e consulenze.

La perdita operativa diminuisce di $0,2 milioni (-0,8%), attestandosi a -$24,1 milioni, rispetto al dato corrispondente del precedente anno (-$24,3 milioni). L’EBITDA, che rispetto al risultato operativo ha beneficiato di un decremento degli oneri relativi all’adeguamento della passività verso gli Azionisti di Minoranza (non inclusi nel risultato operativo), è aumentato di $2,0 milioni (+14,8%) risultando negativo per $11,5 milioni nel primo trimestre 2013 rispetto al valore negativo di $13,5 milioni del primo trimestre 2012.

La perdita attribuibile ai Soci della controllante ammonta a $22,4 milioni nel primo trimestre 2013 in diminuzione di $2,8 milioni rispetto alla perdita di $ 25,2 milioni del primo trimestre 2012.

La posizione finanziaria netta di C&W Group è diminuita di $46,4 milioni, passando da un saldo negativo di $87,4 milioni, registrato al 31 Dicembre 2012, a un saldo negativo di $133,8 milioni al 31 Marzo 2013.

La diminuzione è dovuta in particolar modo ai maggiori costi operativi sostenuti nel primo trimestre 2013, riconducibili principalmente al fenomeno della stagionalità, ai minori ricavi netti registrati nel primo trimestre rispetto al quarto trimestre del precedente anno e al pagamento effettuato nel primo trimestre 2013 dei piani annuali di incentivazione.

Poiché le condizioni economiche globali sono diventate meno incerte con effetti positivi a partire dal quarto trimestre 2012, il primo trimestre del 2013 ha visto una maggiore attività in tutta la gamma di servizi prestati rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’elevato numero delle transazioni e l’ottenimento di incarichi sono il riflesso di una maggiore fiducia tra gli imprenditori, così come l’attenzione e la spinta dei nostri professionisti nell’assistere i clienti di C&W Group ai massimi livelli.

Commercial Register No.64236277 Legal notes | Credits