CNH INDUSTRIAL

(27,07% dell’interesse economico, 40,11% dei diritti di voto sul capitale emesso.
Inoltre FCA detiene l’1,18% dell’interesse economico, 1,74% dei diritti di voto)

 

I principali dati consolidati conseguiti da CNH Industrial nell’esercizio 2014 (predisposti in base agli IFRS) sono evidenziati di seguito:

  Esercizio  
$ milioni 2014 2013(1)
Variazioni 
Ricavi netti 32.957 34.231 (1.274)
Utile (perdita) della gestione ordinaria 2.399 2.637 (238)
Utile (perdita) operativa 2.167 2.481 (314)
Utile (perdita) consolidata 916 1.218 (302)
Utile (perdita) consolidata attribuibile ai Soci della Controllante 917 1.048 (131)
  Saldi al 
$ milioni 31.12.2014 31.12.2013(1)
Totale attivo consolidato 54.441 56.462
(Indebitamento) / Disponibilità nette (23.590) (23.290)
- di cui: (Indebitamento) / Disponibilità nette delle Attività Industriali (2.874) (2.195)
Patrimonio netto attribuibile ai Soci della Controllante 7.534 7.591
(1) Dati rideterminati a seguito dell’adozione del dollaro statunitense quale valuta di reporting ai fini della reportistica finanziaria.

Ricavi netti

I ricavi netti del Gruppo CNH Industrial nel 2014 sono stati pari a $ 32.957 milioni, in diminuzione del 3,7% rispetto al 2013 (-2,0% a cambi costanti). I ricavi di vendita netti delle Attività Industriali sono stati di $31.408 milioni nel 2014, in calo del 4,4% rispetto al 2013 (-2,7% a cambi costanti). L’aumento dei ricavi di vendita netti delle Macchine per le Costruzioni e di Powertrain è stato compensato da un calo delle Macchine per l’Agricoltura, dovuto principalmente al decremento dei volumi e al mix prodotto sfavorevole, in particolare in LATAM e NAFTA, e dei Veicoli Commerciali in LATAM, nonché dall’impatto negativo delle differenze cambio di conversione, principalmente in relazione al real brasiliano. Nel 2014, i Servizi Finanziari hanno conseguito ricavi per $2.086 milioni, con un aumento del 7,0% rispetto al 2013, principalmente per effetto della crescita del valore medio del portafoglio. 

  Esercizio Variazioni
$ milioni 2014 2013 (1)
%
Macchine per l'Agricoltura 15.204 16.763 (9,3)
Macchine per le Costruzioni 3.346 3.258 2,7
Veicoli Commerciali 11.087 11.447 (3,1)
Powertrain 4.475 4.423 1,2
Elisioni e altre (2.704) (3.050) -
Totale delle Attività Industriali 31.408 32.841 (4,4)
Servizi Finanziari 2.086 1.950 7,0
Elisioni e altre (537) (560) -
Ricavi netti 32.957 34.231 (3,7)
(1) Dati rideterminati a seguito dell’adozione del dollaro statunitense quale valuta di reporting ai fini della reportistica finanziaria.

Utile (perdita) della gestione ordinaria

L’utile della gestione ordinaria di Gruppo è stato di $2.399 milioni, per un margine del 7,3% sui ricavi. L’utile è calato di $238 milioni rispetti ai $2.637 milioni del 2013 (pari al 7,7% dei ricavi).

Nel 2014 l’utile della gestione ordinaria delle Attività Industriali è stato pari a $1.867 milioni, in calo di $252 milioni rispetto al 2013, con un margine operativo del 5,9%, in calo di 0,6 punti percentuali rispetto al 2013. L’utile della gestione ordinaria è migliorato per le Macchine per le Costruzioni e per Powertrain ed è diminuito per le Macchine per l’Agricoltura e i Veicoli Commerciali. Le Macchine per le Costruzioni hanno beneficiato di un incremento dei volumi e di un mix favorevole in tutte le aree geografiche, di un positivo effetto prezzi e di efficienze sui costi. Per Powertrain, il miglioramento è dovuto a un incremento delle vendite verso i terzi e alle continue efficienze sui costi industriali parzialmente compensato dall’incremento dei costi di ricerca e sviluppo. Per i Veicoli Commerciali, la performance positiva in EMEA e in APAC e la significativa riduzione delle spese amministrative, generali e di vendita sono state compensate dagli effetti negativi di un contesto operativo difficile in LATAM, dovuto a un calo significativo della domanda. Nelle Macchine per l’Agricoltura, minori volumi e un mix prodotto negativo sono stati in parte compensati da migliori prezzi netti, dalle efficienze industriali e dalla riduzione strutturale delle spese generali, amministrative e di vendita e delle spese di ricerca e sviluppo. Gli impatti delle differenze cambio di conversione non hanno avuto effetto significativo sull’utile operativo delle Attività Industriali. L’utile della gestione ordinaria dei Servizi Finanziari è stato pari a $532 milioni, in aumento del 2,7% nei confronti del 2013.

  Esercizio  
$ milioni 2014 2013 (1) Variazioni
Macchine per l'Agricoltura 1.689 1.949 (260)
Macchine per le Costruzioni 66 (109) 175
Veicoli Commerciali 2 145 (143)
Powertrain 220 210 10
Elisioni e altre (110) (76) (34)
Totale delle Attività Industriali 1.867 2,119 (252)
Servizi Finanziari 532 518 14
Elisioni e altre - - -
Utile della gestione ordinaria 2.399 2.637 (238)
(1) Dati rideterminati a seguito dell’adozione del dollaro statunitense quale valuta di reporting ai fini della reportistica finanziaria.

Utile (perdita) operativa

Le plusvalenze/(minusvalenze) da cessione partecipazioni sono state pari a zero nel 2014. Nel 2013, la stessa voce aveva evidenziato una perdita di $25 milioni, legata alla cessione dell’investimento in Kobelco Construction Machinery Co., causata da un giudizio sfavorevole emesso dal collegio arbitrale in merito al prezzo della transazione; la cessione era avvenuta nel 2012.

Nel 2014 i costi di ristrutturazione sono stati pari a $192 milioni sostenuti nell’ambito del Programma di Efficienza annunciato nel mese di luglio 2014. Le Macchine per l’Agricoltura hanno registrato costi per $46 milioni, principalmente dovuti alla chiusura di una joint venture in Cina e alle attività di riduzione costi conseguenti all’andamento negativo della domanda. I Veicoli Commerciali hanno registrato costi per $103 milioni, relativi principalmente alle azioni per ridurre le spese generali, amministrative e di vendita e i costi di supporto al business a seguito del passaggio alla struttura per aree geografiche di CNH Industrial e ai costi relativi al completamento dei programmi di specializzazione per prodotto dell’attività produttiva. Le Macchine per le Costruzioni hanno registrato costi di ristrutturazione per $43 milioni principalmente dovuti al riallineamento delle reti di vendita in EMEA conseguente al riposizionamento dell’offerta dei marchi Case e New Holland, e all’annunciata chiusura dello stabilimento di Calhoun in Georgia (USA). Nel 2013 i costi di ristrutturazione erano stati pari a $54 milioni, principalmente relativi ai Veicoli Commerciali e derivanti, in particolare, dai programmi di specializzazione per prodotto dell’attività produttiva.

Gli altri proventi (oneri) atipici presentano un saldo negativo pari a $40 milioni, principalmente legato alla chiusura di un contenzioso fiscale e alla razionalizzazione del parco fornitori strategici. Nel 2013 tali oneri erano stati pari a $77 milioni e includevano principalmente i costi relativi allo scioglimento della joint venture con Barclays e al suo consolidamento all’interno del business Servizi Finanziari,nonché altri costi relativi alla razionalizzazione del parco fornitori strategici. 

Il Gruppo CNH Industrial ha chiuso il 2014 con un utile operativo di $2.167 milioni (6,6% dei ricavi netti), a fronte dei $2.481 milioni (7,2% dei ricavi netti) del 2013, con un decremento di $314 milioni. L’utile operativo delle Attività Industriali è stato pari a $1.635 milioni, in calo di $369 milioni sul 2013, a causa di un minor utile della gestione ordinaria e maggiori costi di ristrutturazione, parzialmente compensati da minori perdite sulla cessione di investimenti. L’utile operativo dei Servizi Finanziari ha totalizzato $532 milioni, in aumento di $55 milioni sul 2013. 

Utile (perdita) del periodo

Nel corso dell’anno sono stati registrati oneri finanziari netti per $776 milioni ($615 milioni nel 2013), comprensivi di un onere straordinario di $71 milioni relativo alla nuova stima degli attivi venezuelani misurati in bolivar. Al netto di tale voce, gli oneri finanziari netti sono risultati pari a $705 milioni, in aumento di $90 milioni sull’anno precedente, principalmente a causa di un maggiore indebitamento industriale netto, solo parzialmente compensato da migliori tassi medi di interesse.

Il risultato partecipazioni del periodo è stato positivo per $91 milioni (positivo per $136 milioni nel 2013). Il calo di $45 milioni è essenzialmente dovuto a minori utili dalle joint ventures in APAC, a conseguenza di condizioni di mercato più difficili.

Nel 2014 le imposte sul reddito sono state pari a $566 milioni ($784 milioni nel 2013), equivalenti a un’aliquota effettiva del 38,2% annuale (nel 2013 era stata pari al 39,2%).

Indebitamento netto

Al 31 dicembre  2014 l’indebitamento netto consolidato è pari a $23.590 milioni, in aumento di $300 milioni rispetto ai $23.290 milioni di inizio esercizio.

L’indebitamento netto industriale al 30 dicembre 2014 è risultato pari a $2.874 milioni rispetto a $2.195 milioni al 31 dicembre 2013, in aumento di $679 milioni. I flussi di cassa generati dalle attività operative prima delle variazioni nel capitale circolante sono stati pari a $1.946 milioni, mentre il capitale circolante ha assorbito $942 milioni. Gli investimenti netti sono stati pari a $1.681 milioni e i dividendi pagati pari a $364 milioni, al netto degli aumenti di capitale. L’effetto cambio ha pesato positivamente sull’indebitamento industriale netto per $555 milioni.

  Saldi al   
$ milioni 31.12.2014 31.12.2013 Variazioni
Debiti finanziari (29.701) (29.946) 245
- Debiti per anticipazioni su cessioni di crediti (13.587) (14.727) 1.140
- Altri debiti finanziari (16.114) (15.219) (895)
Altre attività (passività) finanziarie (1) (30) 167 (197)
Liquidità 6.141 6.489 (348)
(Indebitamento netto)/Disponibilità nette (23.590) (23.290) (300)
Attività industriali (2.874) (2.195) (679)
Servizi finanziari (20.716) (21.095) 379
(1) Include il fair value positivo e negativo degli strumenti finanziari derivati.

Fatti di rilievo dell’esercizio 2014

Il 28 aprile 2014, CNH Industrial ha annunciato l’intenzione di entrare in un nuovo accordo di licenza con Sumitomo (S.H.I.) Construction Machinery Co. Ltd , società interamente controllata da Sumitomo Heavy Industries Ltd.

Nell’ambito di questo nuovo accordo di licenza di tecnologia e fornitura di componenti, CNH Industrial produrrà escavatori cingolati (modelli che oscillano dalle 13 alle 35 tonnellate) progettati e disegnati dalla rete produttiva di Sumitomo. L’inizio della produzione dei nuovi modelli è prevista a metà del 2016.

Quest’accordo è stato esteso anche all’accordo esistente tra CNH Industrial e Sumitomo (S.H.I.) Construction Machinery per la fornitura di escavatori prodotti negli impianti di Sumitomo. Dal 1992, Sumitomo è stato fornitore della rete di distribuzione globale di escavatori di CNH Industrial (modelli che oscillano tra le 7 e le 80 tonnellate).

Questo successivo step rafforzerà ulteriormente la partnership tra le due società.

Nel mese di giugno 2014, CNH Industrial ha annunciato, nell’ambito del programma di ottimizzazione del footprint aziendale, e al fine di rispettare il raggiungimento dei target del Business Plan, che nel terzo trimestre del 2015 chiuderà il proprio impianto di assemblaggio di Calhoun, Georgia (USA).

CNH Industrial ha deciso di avviare un programma globale di efficienza finalizzato al miglioramento dell’efficienza e della competitività delle Attività Industriali.

Si prevede che il programma si traduca in un onere cumulato complessivo di circa $280 milioni nei prossimi tre anni, di cui circa il 20% senza esborsi di cassa. La maggior parte dei costi di ristrutturazione dovrebbe avere impatto sul conto economico del 2014 e del 2015. I benefici derivanti da questo programma sono attesi già a partire dalla seconda metà del 2014, con un risparmio su base annua di circa $160 milioni entro la fine del 2016.

Le azioni di ristrutturazione nel segmento delle Macchine per l’Agricoltura sono principalmente relative alla chiusura di una joint venture il cui modello di business non è più praticabile nel contesto attuale.

Le azioni individuate dalle Macchine per le Costruzioni sono relative alla riconversione della struttura industriale a seguito dell’estensione, recentemente annunciata, degli accordi di licenza con Sumitomo (S.H.I.) Construction Machinery Co., Ltd, al riposizionamento dell’offerta dei marchi Case e New Holland e al conseguente allineamento delle loro reti di vendita. La chiusura dell’impianto di assemblaggio di Calhoun, in Georgia (USA), di recente annunciata, rappresenta una di queste azioni.

Le azioni dei Veicoli Commerciali saranno focalizzate sulle spese generali, amministrative e di vendita e sui costi di supporto al business a seguito del passaggio di CNH Industrial alla struttura per aree geografiche, nonché sul completamento dei programmi di specializzazione per prodotto dell’attività produttiva.

Nel settembre 2014 il Gruppo CNH Industrial ha annunciato di aver stipulato un accordo per acquisire sostanzialmente tutte le attività della società Miller-St. Nazianz, Inc. (“Miller”), specializzata nella produzione di macchine per l’irrorazione di precisione. Le attività rilevate nell’ambito della transazione saranno integrate nel brand New Holland Agriculture fornendo una solida base per la crescita su scala globale della sua presenza nel comparto delle irroratrici semoventi. L'accordo è soggetto alle condizioni di chiusura convenzionali, con l'obiettivo di concludere l’operazione entro la fine dell'anno.

 

Commercial Register No.64236277 Note legali | Credits