7. Partecipazioni valutate con il metodo del patrimonio netto

Il dettaglio è il seguente:

nota-7.jpg

(a) La quota precedentemente detenuta era classificata tra le partecipazioni valutate al fair value.
(b) Società controllata direttamente da EXOR a seguito dell’operazione di scorporo da FCA conclusasi il 3 gennaio 2016.
(c) Riclassificata ai sensi dell’IFRS 5 sulla base dell’accordo di cessione firmato 13 maggio 2016.
(d) Ceduta a PartnerRe l’8 aprile 2016 sulla base della quota EXOR del patrimonio netto consolidato al 31 marzo 2016.

Il 18 marzo 2016 EXOR ha perfezionato l’acquisizione di PartnerRe ed è divenuta indirettamente, tramite EXOR N.V. titolare del 100% del capitale ordinario.

L’esborso complessivo è stato pari a $6.108 milioni (€ 5.415 milioni), di cui $6.065 milioni (€ 5.377,7 milioni) a favore degli azionisti ordinari e $43 milioni (€ 37,7 milioni) a favore degli azionisti privilegiati.

La quota precedentemente detenuta (9,9% del capitale) che era classificata tra le partecipazioni available for sale e valutata al fair value con iscrizione delle variazioni di fair value tra le riserve di patrimonio netto è stata allineata al fair value alla data di acquisizione del controllo, pari a $137,5 per azione (complessivi € 576,1 milioni), determinando una riduzione di patrimonio netto di € 30,5 milioni rispetto al 31 dicembre 2015. Inoltre, a seguito del cambiamento del metodo di valutazione, la riserva di fair value, positiva di € 22,9 milioni, è stata riclassificata nel conto economico. L’intera partecipazione in PartnerRe è stata classificata tra le partecipazioni valutate con il metodo del patrimonio netto e la valutazione al 30 giugno 2016 è stata effettuata sulla base dei dati contabili predisposti per il periodo 18 marzo 2016 – 30 giugno 2016. Il valore di carico della partecipazione include un avviamento di $660 milioni (€ 595 milioni).

La variazione positiva della quota EXOR in FCA è determinata principalmente dall’utile netto del periodo ante rettifiche di consolidamento (+€ 228,3 milioni), parzialmente compensata dal decremento delle differenze cambio da conversione (-€ 57 milioni) e della riserva di cash flow hedge (-€ 27 milioni), nonché dallo scorporo di Ferrari da FCA e della distribuzione di azioni RCS MediaGroup agli azionisti di FCA (per complessivi € 28,4 milioni).

La variazione negativa della quota EXOR in CNH Industrial è determinata principalmente dalla distribuzione di dividendi per € 49,1 milioni, dal decremento della riserva di cash flow hedge (€ 5,4 milioni), parzialmente compensata dalla quota nel risultato di competenza EXOR, positiva per € 22,5 milioni (rettificata eliminando l’onere relativo all’indagine condotta dalla Commissione Europea stanziato da CNH Industrial, in quanto era già stato contabilizzato da EXOR nel bilancio 2015), nonché dalle differenze cambio da conversione positive per € 19,5 milioni.

La variazione negativa della quota EXOR in The Economist Group è determinata principalmente dall’operazione di buy back di azioni proprie (€ 105,3 milioni), da differenze cambio (€ 51,2 milioni) parzialmente compensata dalla quota EXOR nel risultato del periodo (€ 27,1 milioni).

Commercial Register No.64236277 Note legali | Credits